Iscriviti

Novara: accusato di aver ucciso il piccolo Leonardo di due anni, Nicolas Musi tenta il suicidio in carcere

Nicolas Musi recluso dallo scorso venerdì nel carcere di Novara con l'accusa di infanticidio ai danni del piccolo Leonardo di non ancora due anni, figlio della sua convivente Gaia Russo, ha tentato il suicidio in carcere.

Cronaca
Pubblicato il 29 maggio 2019, alle ore 19:51

Mi piace
5
0

Gli agenti della polizia penitenziaria del carcere di Novara sono riusciti a salvare la vita a Nicolas Musi, il 23enne accusato di infanticidio insieme alla convivente e mamma del piccolo Leonardo. Il ragazzo, intorno alla mezzanotte di ieri, è riuscito ad annodare una striscia di lenzuolo alle inferriate della propria cella e stava per impiccarsi.

Musi era recluso dallo scorso venerdì nel carcere di Novara, mentre Gaia Russo, 22enne mamma di Leonardo, è ai domiciliari in una struttura protetta perché incinta. I due sono accusati di aver picchiato a morte Leonardo Russo, di 20 mesi, in un appartamento nel quartiere di Sant’Agabio, a Novara. La donna, lo scorso giovedì, aveva allertato il 118 dichiarando che il figlioletto si sentiva male.

Agli operatori sanitari, la donna aveva dichiarato che il bimbo era caduto dal letto. Il piccolo Leonardo morirà all’arrivo in ospedale. L’autopsia infatti ha rivelato che il piccolo aveva una serie di traumi e una emorragia al fegato per un violento colpo all’addome. Il convivente della donna, Nicolas Musi, prima di tentare il suicidio, si è sempre avvalso della facoltà di non rispondere ed ha dichiarato la sua totale estraneità nella vicenda.

I difensori dei due presunti assassini, Annalisa Gibbin e Barbara Grazioli, nominati d’ufficio, ha ricevuto numerose e pesanti minacce sui social network. In tale episodio è intervenuto il Consiglio dell’Ordine di Novara, di concerto con l’associazione giovani avvocati italiani, appoggiando in toto le colleghe minacciate. 

Nel frattempo, si è invece elogiato il comportamento degli agenti della polizia penitenziaria che, nonostante la vetustà degli istituti carcerari, la mancanza di organico, riescono a mantenere uno stato di legalità e di rispetto umano per gli individui. Questa vicenda, dai contorni ancora poco chiari, rivela una situazione di instabilità che si sta espandendo a macchia d’olio.

L’interrogativo primario che ci si pone è: cosa sta succedendo agli adulti? Prima di Leonardo, molte altre vittime innocenti sono morte per mano di chi le doveva amare e proteggere.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Beatrice Cinnirella

Beatrice Cinnirella - Da cittadina mi viene da dire che ovviamente gli agenti di polizia penitenziaria hanno fatto il loro dovere ed il loro lavoro ma, da essere umano, disgustata, amareggiata ed arrabbiata, mi vien da dire che sarebbe stato meglio che lo avessero fatto suicidare, perché un adulto che uccide un bambino inerme non merita di continuare a vivere.

Lascia un tuo commento
Commenti
Maria Guerricchio
Maria Guerricchio

29 maggio 2019 - 20:26:43

Sono d'accordissimo con te. Peccato non ci sia riuscito. Chi tocca i bambini non merita perdono.

0
Rispondi
Maria Guerricchio
Beatrice Cinnirella

29 maggio 2019 - 20:34:27

Speriamo che ci riesca al più presto!

0