Iscriviti

La toccante lettera di Andrea Stival al figlio Lorys

Nonostante siano trascorsi quasi 5 anni da quel maledetto giorno, Andrea Stival, padre del piccolo Lorys, ucciso barbaramente dalla madre Veronica Panarello, lo ricorda con una toccante lettera.

Cronaca
Pubblicato il 18 giugno 2019, alle ore 21:08

Mi piace
5
0
La toccante lettera di Andrea Stival al figlio Lorys

In una lettera indirizzata a Lorys, il padre – Andrea Stival – rievoca, nel giorno del 13esimo compleanno del figlio, tutto il suo dolore e la sua malinconia per la sua insensata scomparsa ad opera della madre, Veronica Panarello. Il papà si aggrappa all’idea che un giorno potrà riabbracciare suo figlio e questa è l’unica consolazione che gli rimane.

Il ricordo di Lorys è ancora vivido nelle memorie e nel cuore del papà che certamente non accetta e non accetterà mai il fatto che al figlio sia stato rubato il futuro che aveva il diritto di vivere e che soprattutto quel futuro gli sia stato negato dalla donna che lo ha messo al mondo, la mamma Veronica Panarello, condannata a 30 di reclusione in due gradi di giudizio per omicidio e occultamento di cadavere.

Andrea Stival ripercorre i ricordi e i sogni che Lorys avrebbe potuto vivere insieme, ad esempio, ai suoi compagni di classe. I regali che non potrà scartare più. Nonostante la tragedia che l’uomo sta vivendo, il suo ricordo di Lorys rimane positivo e si augura che lui possa festeggiare il compleanno insieme agli angeli che sono insieme a lui.

Poi Andrea Stival aggiunge che lui ed il fratellino minore lo pensano ogni giorno e che, nonostante fisicamente non sia più con loro, il suo ricordo è sempre presente in qualsiasi momento del giorno e della notte. L’idea che un giorno potrà rivederlo è quello che tiene accesa la fiamma della speranza in lui.

Una speranza che da quando Lorys non c’è più è l’unica che fa andare avanti questo giovane papà che, tra l’altro, deve occuparsi anche del fratellino minore di Lorys che, nella tragedia, si è ritrovato improvvisamente senza mamma, senza fratello, e senza una famiglia. Un omicidio, quello di Santa Croce Camerina, dai risvolti ancora poco chiari riguardo al movente. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Beatrice Cinnirella

Beatrice Cinnirella - Una storia quella dell'omicidio del piccolo Lorys che ancora non è completamente chiara. Il movente, a mio parere, non è chiaro. Perché una mamma arriva ad uccidere il proprio figlio? Cosa ha fatto Lorys di così grave per aver indotto la madre ad un gesto così crudele e insensato? Interrogativi che a mio parere non troveranno mai una verità univoca.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!