Iscriviti
Bologna

Incidente in autostrada A14: identificato il camionista deceduto

Sull'Autostrada A14 nei pressi di Borgo Panigale è avvenuto un altro incidente molto simile a quello che ha visto coinvolta l'autocisterna esplosa. La vittima è un uomo di 68 anni.

Cronaca
Pubblicato il 31 luglio 2019, alle ore 02:25

Mi piace
2
0
Incidente in autostrada A14: identificato il camionista deceduto

Ancora un pomeriggio “di fuoco” sulle autostrade italiane. Questa volta il tutto è accaduto sulla A14, nei pressi di Bologna, e si è tradotto in un incidente tra due autoarticolati, avvenuto intorno alle ore 15.00, con conseguente decesso di uno dei camionisti. Quest’ultimo aveva 68 anni e il primo scoppio dovuto all’incidente ha fatto tornare alla memoria l’esplosione dell’autocisterna verificatasi sullo stesso tratto esattamente un anno fa.

La vittima si chiamava Gheorge Pantea Moglan, di origini rumene, ma viveva in provincia di Treviso: era sposato e con 5 figli. Quando è stato estratto il corpo dai vigili del fuoco, diverse ore dopo l’incidente, era ormai troppo tardi. Era nella fase di rientro, in quanto aveva già scaricato la merce a Firenze. 

Incidente sulla A14: le dinamiche del disastro

Tra i primi a commentare l’accaduto c’è il presidente di quartiere, Vincenzo Naldi, che è rimasto particolarmente traumatizzato al pensiero di due disastri in meno di un anno sullo stesso tratto di autostrada. Il sottosegretario ha affermato che sono al lavoro per rendere più sicure le strade italiane perché cose simili non dovranno più accadere.

Le prime ricostruzioni confermano un incidente a catena. Un camion avrebbe tamponato il primo autoarticolato che a sua volta si sarebbe scontrato con l’autoarticolato a due piani. Il primo autoarticolato che è stato brutalmente tamponato dal camion è stato quello che ha subito più danni, in quanto è letteralmente esploso dopo l’incidente. 

Secondo quanto riportato dalla polizia stradale, le dinamiche dell’incidente sono molto simili a quelle verificatesi un anno fa con l’esplosione del camion. Il primo a tamponare potrebbe non aver proprio frenato e, dopo l’impatto, è iniziata la diffusione del fuoco, fino ad avvolgere l’abitacolo del camion, nel quale è rimasto intrappolato il camionista Gheorge Pantea Moglan. Poco prima del brutale incidente, la circolazione era già problematica a causa di rallentamenti al chilometro 11.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Francesco Menna

Francesco Menna - Un incidente molto simile a quello avvenuto l'anno scorso con la cisterna di GPL. Per fortuna, questa volta il camion era vuoto, altrimenti le vittime sarebbero state molte di più. Il problema nasce dal fatto che i mezzi pesanti circolano di giorno: secondo me, dovrebbero imporre per legge solo ed esclusivamente la circolazione notturna.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!