Iscriviti
Roma

Chiesto lo sgombero per CasaPound, la gioia di Virginia Raggi: "Ripristiniamo la legalità"

In questi giorni sarebbe avvenuto un incontro della polizia con alcuni membri di CasaPound per lo sfratto nella loro sede a Via Napoleone III di Roma. La Digos e la questura smentiscono, ma Laura Castelli e Virginia Raggi si mostrano positive.

Cronaca
Pubblicato il 4 giugno 2020, alle ore 09:04

Mi piace
3
0
Chiesto lo sgombero per CasaPound, la gioia di Virginia Raggi: "Ripristiniamo la legalità"

CasaPound Italia (CPI), conosciuto semplicemente con il nome di CasaPound, è un movimento politico di estrema destra con una ideologia neofascista. Creato nel 2003 come un semplice movimento, nei primi anni ha iniziato ad occupare illegalmente alcune strutture nella capitale, che le autorità hanno fatto quasi sempre sgomberare.

L’attuale sede principale si trova al n. 8 di via Napoleone III di Roma, nel cuore del quartiere Esquilino, presa da un gruppo di giovani ragazzi che fanno riferimento all’area dell’ONC/OSA. Nel 2017 si contano circa 20.000 mila iscritti al partito, ma nei risultati elettorali non hanno mai superato l’1%.

Chiesto lo sfratto per CasaPound

Nei giorni scorsi, il sindaco di Roma, Virginia Raggi, ha inviato due lettere a Lorenzo Guerini, ministro della difesa nel governo Conte II. In questa circostanza il primo cittadino chiede lo sgombero di due occupazioni abusive di CasaPound: la prima a Via Napoleone III e l’altra in un complesso edilizio di Ostia.

Ed a quanto pare sembra esserci un preavviso di sfratto per la sede principale di CasaPound. Davide Di Stefano, dirigente del partito politico, ha rivelato che un gruppo di militanti mercoledì sera è stato convocato in questura ed a loro sarebbe stato anticipato l’ordine di sfratto. Al momento, sia la questura che la Digos smentiscono categoricamente questa notizia, ma la frase “Dovete lasciare lo stabile“, come rivelato da “Il Fatto Quotidiano“, sarebbe stata pronunciata dal portavoce.

Per il momento, Roberto Gualtieri smentisce questa voce, ma Laura Castelli, sottosegretario al ministero dell’Economia e delle Finanze, svela: “Ho appena saputo che è stato ordinato lo sgombero da Via Napoleone III a CasaPound. Ci lavoriamo da tanto, finalmente si ristabilisce la legalità”. Anche il sindaco di Roma, Virginia Raggi, esulta per questa notizia: “Finalmente qualcosa si muove su sgombero palazzo occupato abusivamente da CasaPound in centro a Roma. Ripristiniamo la legalità” CasaPound .

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Emanuele Novizio

Emanuele Novizio - A oggi non sembra esserci alcuna ufficialità su un possibile sfratto nella sede principale di CasaPound, ma Laura Castelli e Virginia Raggi non si sono mai mostrate così positive in merito a questo argomento. Di certo sarebbe una notizia molto positiva, ma prima di "esultare" bisogna avere delle conferme ufficiali che, a oggi, non ci sono.

Lascia un tuo commento
Commenti
Fabrizio Ferrara
Fabrizio Ferrara

04 giugno 2020 - 09:06:15

D'accordissimo su questo sgombero: era ora. Tuttavia per Ostia ho qualche perplessità: le famiglie di Area 121 dove verrebbero messe? E perché non pensare a bonificare più che altro l'ex colonia Vittorio Emanuele?

0
Rispondi
Fabrizio Ferrara
Emanuele Novizio

04 giugno 2020 - 18:53:01

I punti interrogativi senza risposta fanno parte della politica italiana

0