Iscriviti

Asiago, 19enne si toglie la vita: trovato impiccato in stalla

Un familiare lo stava cercando per pranzare insieme, ma giunto nella stalla ha fatto la scoperta del corpo ormai già privo di vita del ragazzo di soli 19 anni.

Cronaca
Pubblicato il 21 febbraio 2019, alle ore 09:08

Mi piace
1
0
Asiago, 19enne si toglie la vita: trovato impiccato in stalla

Una tragedia quella che ha colpito Asiago, in provincia di Vicenza, durante la mattinata di martedì 19 febbraio. Un ragazzo di soli 19 anni ha scelto di farla finita, impiccandosi nella stalla vicino casa dove custodiva gli animali da cortile insieme allo zio. A trovare il corpo del giovane è stato proprio uno dei familiari, che era alla ricerca del ragazzo per poter pranzare insieme.

Una vicenda che arriva a solo una settimana di distanza dalla tragica notizia della famiglia Marzaro, avvenuta sempre ad Asiago nella contrada Pennar. In quell’occasione sono stati trovati i corpi privi di vita dei due coniugi e della figlia, che si è poi rivelata essere l’assassina dei genitori. La donna aveva, infatti, prima ucciso i due anziani per poi togliersi la vita, un terribile caso di omicidio-suicido.

Il ritrovamento

Il 19enne abitava ad Asiago insieme alla sua famiglia, composta dai genitori e da una sorella. Lavorava con operaio e da quanto è stato affermato, non avrebbe mai dimostrato alcun segno di depressione o che avrebbe potuto lasciare immaginare ad un gesto tanto estremo.

A ritrovare il corpo del giovane è stato un familiare. Verso le 12:30 di martedì scorso, sono iniziate le ricerche del 19enne per poter pranzare insieme, ma quando il parente si è recato presso la stalla vicino casa, si è trovato di fronte alla terribile scoperta. Il giovane si era impiccato. Nonostante sia stato avvisato d’urgenza il 118, al suo arrivo hanno potuto costatarne solo il decesso.

Il 19enne non ha lasciato alcun messaggio che potesse giustificare o motivare il suo gesto, ed ora l’intera famiglia e tutto il paese di Asiago è in lutto e sconvolto per quanto accaduto. Una notizia, quella della morte del giovane, che è stata definita non solo triste ed improvvisa, ma anche ingiustificabile ed incomprensibile.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - Forse l'ennesimo caso di "male di vivere" che colpisce i nostri giovani, coloro che dovrebbero godersi la vita in questi anni che si trovano però completamente sommersi dalle preoccupazioni che il nostro paese ci lascia. La paura di non farcela economicamente, la paura di non avere un lavoro e di non potersi costruire una vita.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!