Iscriviti

YouTube: novità per la dark mode, nuovo strumento pubblicitario, pericoloso bankware tra i video

YouTube, partecipando ad un trend degli ultimi tempi, si è occupata della dark mode, migliorando la propria: il tutto mentre partono i test per un nuovo tool pubblicitario e, tra i suoi video, si annida il pericoloso bankware Casbaneiro.

Internet e Social
Pubblicato il 10 ottobre 2019, alle ore 16:41

Mi piace
7
0
YouTube: novità per la dark mode, nuovo strumento pubblicitario, pericoloso bankware tra i video

La celebre piattaforma di video sharing della grande Y, nota come YouTube, parte – quasi dagli inizi della sua storia – del gruppo Google, si avvia ad un leggero restyling della sua già nota dark mode, presto con più opzioni di funzionamento, e si prepara alla raccolta pubblicitaria in vista delle presidenziali USA del 2020. Nel frattempo, però, la piattaforma preferita dagli amanti dei video viene sfruttata a mo’ di trojan per veicolare un pericoloso attacco hacker.

Con l’arrivo di Android 10 e iOS 13 sono sempre più numerose le applicazioni che si convertono al lato oscuro del layout, ovvero che implementano una dark mode: YouTube per Android, in verità, permetteva da diverso tempo di settare uno sfondo scuro con il testo in bianco, in alternativa alla scelta standard del background immacolato con scritte in nero. Il tutto avveniva recandosi nelle impostazioni generali dell’app, dall’icona dell’utente in alto a destra, e operando sul selettore “Dark Theme” che, didascalicamente, prometteva una riduzione dei riflessi ed una miglior lettura notturna (oltre, ovviamente, ad un risparmio della batteria sugli schermi AMOLED).

Il passato è d’obbligo perché diversi utenti, segno di un roll-out in corso via attivazione da server remoto, stanno segnalando la comparsa, nelle impostazioni generali di YouTube, della voce “Aspetto” al cui interno non sarebbero più presenti solo le voci per scegliere tra tema bianco e tema scuro, ma anche quella che permetterebbe di demandare tale scelta al sistema operativo, adeguandosi alla modalità scura di quest’ultimo. Perché ciò sia possibile, però, oltre alla presenza di Android 10 (o di un Pie con UI ad hoc), sarebbe necessario scaricare (magari tramite la repository online di ApkMirror) una delle ultime versioni di YouTube per Android messe a disposizione (per alcuni la 14.38, per altri la 14.40).

Un’altra iniziativa messa in campo da YouTube è stata appena anticipata, invece, dal Wall Street Journal e si sostanzia nel varo dello strumento “Instant Reserve”, ammesso come in test dalla stessa Google, che permetterà agli inserzionisti politici di comprare, con diversi mesi di anticipo, gli slot pubblicitari ritenuti – per collocazione e formato – più appetibili, in vista delle prossime presidenziali del 2020. Allo stato attuale, risultano già acquistabili le inserzioni inerenti ai primi Stati che, come Carolina del Sud e Iowa, che si recheranno alle urne.

Di sicuro, qualcosa andrà fatto contro il virus modulare Casbaneiro che, secondo la security house Eset si diffonde (partendo dall’America Latina) proprio grazie ad alcuni video di YouTube, in particolar modo tutorial di cucina o raccolte di highlights calcistici.

Questi ultimi di solito recano uno short url che, se cliccati, anziché portare su un profilo Facebook o Instagram, aprono un collegamento con un server remoto di comando e controllo, dal quale l’hacker può inviare dei comandi criptati: questi ultimi permettono di eseguire lo screenshot dello schermo, di registrare quel che viene digitato, di simulare dei click, di inibire la navigazione su certi siti o il ricorso a particolari programmi (magari l’antivirus), di acquisire dati come il nome dell’account o il sistema operativo in uso, senza contare le credenziali del conto corrente o dei metodi di pagamento usati. Addirittura, nell’eventualità che si usi il computer per gestire una criptovaluta, il virus bankware Casbaneiro tenta di re-istradarne l’ammontare verso i wallet (portafogli) dei criminali 2.0.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Le potenzialità del virus menzionato sono enormi, specie perché vanno a colpire i tanti appassionati di calcio o cucina: YouTube, che ad oggi risulta impegnato anche in un ulteriore miglioramento della propria dark mode, dovrà quindi far qualcosa per bonificare i suoi video, magari mettendo un po’ da parte la preliminare raccolta pubblicitaria in viste delle prossime presidenziali USA.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!