Iscriviti

YouTube: news ai tempi del coronavirus, nuovi pagamenti per i servizi Premium

Costretti a casa, sono sempre di più gli utenti che sfruttano YouTube per informarsi, da qualche tempo protetti da alcune misure volte a contenere la disinformazione. In India, intanto, YouTube Premium e Music Premium supportano nuovi sistemi di pagamento.

Internet e Social
Pubblicato il 16 aprile 2020, alle ore 11:53

Mi piace
5
0
YouTube: news ai tempi del coronavirus, nuovi pagamenti per i servizi Premium

YouTube, già piattaforma regina del video sharing, in tempi di coronavirus, sta acquistando ancora più popolarità, diventando anche un punto di riferimento nel mondo informativo, come confermato da una recente intervista del suo Chief Product Officer che, a tal proposito, ha parlato di alcune misure volte a contenere la disinformazione. Nel frattempo, proseguono le iniziative finalizzate a sprintare il successo, in termini di nuovi abbonati, di YouTube Music Premium e YouTube Premium

Nel corso di una chiacchierata andata in onda su Bloomberg Television, Neal Mohan, CPO di YouTube, ha snocciolato alcuni dati recenti in merito alla sua piattaforma, spiegando come, nell’ultimo mese, la grande Y abbia oltrepassato la soglia dei 2 miliardi di visitatori, con una particolare predilezione, da parte di questi ultimi, dei video informativi e delle video news, il cui consumo è cresciuto, in piena emergenza da coronavirus, del 75%. Ciò ha imposto una particolare attenzione a quello che gli utenti guardano per aggiornarsi su quanto sta accadendo, visto che, come nel caso dei video che correlano morbo e antenne 5G, gli episodi di disinformazione virale sono dietro l’angolo. 

Proprio per favorire un consumo di news affidabili, durante l’intervista si sono illustrate alcune iniziative messe in campo per fronteggiare le fake news, come un apprezzatissimo (10 miliardi di consultazioni) pannello informativo, che rimanda a notizie curate dalle agenzie sanitarie, posto tanto nella Home di YouTube quanto nei video che trattano del coronavirus. Inoltre, mediante un algoritmo che stima l’affidabilità dei video, si è irrigidita la selezione dei video che possono, o meno, essere caricati sulla piattaforma. 

Passando ai progetti per accrescere gli abbonati, YouTube ha varato un’iniziativa in India, relativa ai servizi YouTube Premium e Music Premium, in precedenza fruibili dietro indicazione di una carta di credito sulla quale ricevere i periodici addebiti.

Come noto, sul finire del 2019 esordirono localmente dei piani prepagati, che permettevano di pagare, anticipatamente, per il lasso di tempo che si desiderava: proprio tale iniziativa è stata ampliata, attraverso l’indicazione, tra i metodi di pagamento, dell’UPI, Unified Payments Interface, un sistema digitale che semplifica i pagamenti e gli scambi di denaro, in tempo reale. Lo stesso sistema, fanno sapere da Mountain View, sarà adoperato anche per gestire le iscrizioni ai Canali, e comprare gli add-on utilizzabili, nel corso dei Live, tramite la feature Super Chat

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Sarebbe bene che Google portasse taluni progetti all'esordio anche in Occidente: i piani prepagati sarebbero già comodi per conto loro, figuriamoci nell'eventualità di poter usare un sistema simile all'UPI (che, ovviamente, andrebbe prima allestito localmente dalle banche, sempre molto restie a dialogare tra loro). Sulle iniziative per una corretta informazione, credo che YouTube dovrebbe fare ben di più, anche se in questo periodo è lecito attendersi qualche errore, visto che ad operare sono soprattutto gli algoritmi.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!