Iscriviti

Twitter: il social resiste alla scalata con la procedura della pillola avvelenata

Nelle scorse ore, la scalata ostile di Musk per accaparrarsi il social del canarino azzurro, soggetta a crescenti resistenze ha incontrato la bocciatura formale del CdA della piattaforma, che si appresta a resistere per un anno con la procedura della poison pill: scopriamo insieme di cosa si tratta.

Internet e Social
Pubblicato il 15 aprile 2022, alle ore 21:49

Mi piace
2
0
Twitter: il social resiste alla scalata con la procedura della pillola avvelenata

Ascolta questo articolo

Nelle scorse ore, il social network Twitter, alle prese con un tentativo di scalata ostile del miliardario Elon Musk, ha comunicato l’intenzione di resistere attraverso una pratica molto comune in ambito economico: al momento, non sono ancora note le reazioni dell’aspirante acquirente, ad oggi il maggior azionista singolo del microblog da 280 caratteri

La prima novità della “telenovela Musk-Twitter” arriva dal mondo degli analisti. In particolare, Mark Kelley di Stifel ha qualificato l’intera vicenda come un “circo” che finirà o col miliardario che comprerà il social, o con lo stesso che venderà il suo 9.2%. In questo caso, però, le azioni di Twitter avrebbero un concreto rischio di ribasso e, di conseguenza, come fatto anche da altri analisti, ha declassato (in gergo tecnico: downgrading) le azioni della piattaforma, all’insegna di una decisione che, sollevando dubbi sull’affidabilità creditizia dell’azienda in questione, potrebbe comportare conseguenze per il costo del denaro per la stessa, nel caso dell’emissione di titoli. 

Intanto, nel mentre emergono ulteriori manifestazioni d’interesse verso il social del canarino azzurro (un’offerta potrebbe essere presentata, secondo quanto comunicato formalmente, anche dalla Thoma Bravo, una società di private equity che lo scorso Dicembre gestiva qualcosa come 103 miliardi di dollari in asset), il consiglio d’amministrazione di Twitter ha dato sostanza alle dichiarazioni del CEO, Parag Agrawal, che nell’incontro di giovedì con i dipendenti aveva sostenuto che l’azienda non sarebbe stata tenuta in ostaggio dalla mossa di Musk.

In particolare, grazie al fatto che nel suo statuto prevede la possibilità di emettere “azioni privilegiate in assegno in bianco senza previa autorizzazione“, nel giudicare l’azione intrapresa da Musk come “non gradita” e con l’intento di “combatterla“, ha varato quella che, nel settore economico, è una procedura nota come “poison pill“, pillola avvelenata.

In particolare, per diluire la partecipazione azionaria di Musk, il CdA ha stabilito che, nel caso un soggetto (gruppo o persona) acquisisca almeno il 15% delle azioni ordinarie del social disponibili nel libero mercato, senza l’autorizzazione del CdA (che necessiterebbe di “tempo sufficiente per formulare giudizi informati e intraprendere azioni che siano nel migliore dei modi interessi degli azionisti“), e senza un premio appropriato degli azionisti, questi ultimi potranno comprare azioni aggiuntive della piattaforma con uno sconto.

Sempre la “pillola velenosa”, valevole per 364 giorni, impedirebbe agli azionisti di vendere le loro azioni, costringendo Musk a presentare una pubblica offerta d’acquisto che offrirebbe agio agli azionisti per palesare disapprovazione o sostegno all’offerta del miliardario sudafricano naturalizzato statunitense. Nello specifico, il sistema della poison pill, ha fatto sapere Twitter, non impedirebbe al CdA di accettare un’eventuale offerta di acquisizione, nell’eventualità che la ritenesse la migliore, nell’interesse degli azionisti e della società stessa

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Caspita. Sempre più appassionante questa vicenda. Ora iniziano a emergere anche altri soggetti interessati all'acquisizione di Twitter: Musk pensava d'aver messo in scatto matto il CdA ma, invece, quest'ultimo si è tratto d'impaccio e, almeno per un annetto, dovrebbe aver messo in sicurezza la situazione. Salvo sorprese ulteriori da parte di Musk che, ricordiamolo, ha detto d'avere da parte un piano B nel caso non riuscisse nella sua scalata.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!