Iscriviti

Scandalo Facebook: da lunedì una notifica nel Feed agli utenti coinvolti (e non solo) aiuterà a proteggere i propri dati

A partire da lunedì, Facebook avviserà gli 87 milioni di utenti coinvolti nello scandalo Cambridge Analytica. Il feed "Proteggendo le tue informazioni" notificherà gli utenti su quali app hanno accesso ai loro profili e quali dati personali sono condivisi.

Internet e Social
Pubblicato il 7 aprile 2018, alle ore 17:48

Mi piace
5
0
Scandalo Facebook: da lunedì una notifica nel Feed agli utenti coinvolti (e non solo) aiuterà a proteggere i propri dati

Continua la bufera su Facebook, il social network più popolare al mondo che in questi giorni è nel pieno dello scandalo per i dati degli utenti ceduti a Cambridge Analytica che ha fatto crollare il titolo in borsa e ha provocato la cancellazione di migliaia di utenti indignati e preoccupati per la propria privacy.

Il social network cerca ora di correre ai ripari, e gli utenti che si chiedono se i loro profili sono stati coinvolti nello scandalo avranno finalmente risposta.
A partire da lunedì, tutti i 2.2 miliardi di utenti di Facebook riceveranno nel proprio feed un avviso intitolato “Proteggendo le tue informazioni”, con un link che mostrerà quali app utilizzano e quali informazioni sono state condivise con queste app.

Se gli utenti vorranno, potranno eliminare le app individualmente, o bloccarvi completamente e con un unico click l’accesso (col pulsante unico illustrato giorni fa). 
Questo consentirà di capire quali informazioni dei profili vengono carpite da queste app, e di scegliere se continuare a consentire l’accesso ai propri profili o meno.

Inoltre gli utenti coinvolti nello scandalo Cambridge Analytica, che secondo alcune stime potrebbero essere fino a 87 milioni, riceveranno un altro messaggio dettagliato che li informerà di quanto avvenuto.

Secondo i dati ufficiali di Facebook, la maggior parte degli utenti coinvolti (oltre 70 milioni su 87 totali) sono utenti statunitensi della app mentre, per il Regno Unito, le Filippine e l’Indonesia, ci sarebbero circa un milione di utenti coinvolti. Sarebbero invece decisamente meno,  secondo le ultime stime circa 214mila gli utenti italiani coinvolti.

Nel frattempo, Facebook cerca di limitare i danni, con Mark Zuckerberg che ha ammesso pubblicamente di aver fatto un grave errore riconoscendo le responsabilità di Facebook nell’utilizzo inappropriato dei dati privati degli utenti, e che – nei prossimi giorni – testimonierà davanti al Congresso degli Stati Uniti d’America.

Christopher Wylie, la “gola profonda” di Cambridge Analytica, ha stimato che oltre 50 milioni di profili siano stati compromessi tramite un quiz della personalità che ha raccolto dati non solo dagli utenti che hanno svolto il quiz, ma anche dai loro amici.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Anna Santini

Anna Santini - Devo dire che non credo che molta gente sia "caduta dalle nuvole" con questa notizia: credo che tutti sapessimo che Facebook accede alle nostre informazioni e le rivende altrimenti, essendo gratuito, come avrebbero potuto mandarlo avanti? È ovvio che utilizzassero tutto quanto viene scritto, condiviso e piaciuto, per poi vendere i dati agli interessati.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!