Iscriviti

Facebook, Zuckerberg si dichiara responsabile di quanto successo

Zuckerberg si batte il petto e promette maggiore garanzia sulla protezione dei dati. Partita a San Josè in California la prima azione legale. "Dati utilizzati per avvantaggiare la campagna di Donald Trump" secondo i promotori dell'azione legale.

Internet e Social
Pubblicato il 22 marzo 2018, alle ore 14:41

Mi piace
14
0
Facebook, Zuckerberg si dichiara responsabile di quanto successo

Sono responsabile”, due parole di Mark Zuckerberg sembrano essere sufficienti per far risalire il titolo in chiusura a Wall Street che guadagna lo 0,77%. Il Deputy Chief Global Privacy Officer di FB, Stephen Deadman, all’Ansa ha assicurato: “siamo fortemente impegnati nel proteggere le informazioni delle persone“. In America, comunque, è scattata la prima class action.

Sono responsabile di quello che è successo“, ha affermato Mark Zuckerberg nella sua pagina Facebook riconoscendo che sono stati fatti degli errori, e che, in quanto a protezione dei dati c’è ancora da lavorare da fare, ma allo stesso tempo afferma con una determinazione rassicurante: “Abbiamo la responsabilità di proteggere le vostre informazioni“, solo così “meritiamo di essere al vostro servizio“. Ora si tratta di capire cosa sia successo e cosa fare perché una cosa simile non accada mai più.

Mark Zuckerberg, affermando che molte misure, in passato erano già state prese – come si legge nel sito ansa.it –, in qualche modo però si sente anche vittima; secondo lui, infatti, qualcuno vuole sfruttare Facebook per influenzare il voto americano di metà mandato. Alla Cnn Zuckerberg ha affermato: “Sono certo che c’è una seconda edizione di tutto quello che è stato lo sforzo della Russia nel 2016, ci stanno lavorando. E sono certo che ci sono nuove tattiche che dobbiamo essere sicuri di individuare e fronteggiare“.

A mettere in luce che i dati venivano rubati è stato Chris Wylie. Con la supervisione di Steve Bannon, la Cambridge Analytica, partendo dai dati raccolti su Facebook, ricostruiva profili precisi e dettagliati di numerosissimi elettori americani a cui inviare e testare messaggi da utilizzare poi in campagna elettorale.

Intanto, alla corte distrettuale di San Josè, in California, è stata avviata la prima azione legale contro Facebook e Cambridge Analytica. Potrebbe accadere che, prendendola ad esempio, vengano aperte altre cause collettive per i danni provocati dalla raccolta dei dati personali senza autorizzazione e senza l’avvertenza di proteggerli, “dati utilizzati per avvantaggiare la campagna di Donald Trump“, come affermano i promotori dell’azione legale sul sito ansa.it.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Se paragoniamo un dato personale a una gemma preziosa, da proteggere e la consegniamo alla cassaforte di Facebook, dicendogli - mediante bottoni opzionali e flag -, a chi può far vedere la nostra perla, dobbiamo ricordarci che le chiavi per aprire la cassetta le abbiamo solo noi, ma Facebook ha il passepartout e può aprire tutte le cassette che vuole, per far vedere la nostra perla a chi vogliamo noi... e per conoscere il nostro "valore", senza avvisarci. Ai bambini lo spiegherei così...

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!