Iscriviti

Google: per tutelare la privacy arriva un nuovo Safety Center e permessi mirati per i servizi

Google, coinvolta in uno dei più grandi scandali sulla privacy che la storia ricordi, oltre a chiudere Google+, prenderà seri provvedimenti per tutelare gli utenti: tra questi, un nuovo Safety Center, e permessi più mirati e chiari per l'accesso ai suoi servizi

Internet e Social
Pubblicato il 9 ottobre 2018, alle ore 09:27

Mi piace
7
0
Google: per tutelare la privacy arriva un nuovo Safety Center e permessi mirati per i servizi

Come noto, Google è finita al centro della cronaca hi-tech a causa di un bug che ha esposto i dati di circa 500 mila persone: a seguito di questa problematica, emersa grazie a un’indagine del Wall Street Journal, il colosso di Mountain View ha preso alcune drastiche decisioni, tra cui la chiusura (nel 2019) del suo social, Google Plus (altro fallimento, dopo Orkut e Google Buzz), ed il varo di diverse contromisure: scopriamole insieme.

La prima misura di tutela della privacy, messa in campo da Google proprio ad OttobreMese europeo della sicurezza informatica, riguarda la messa a disposizione, anche per il mercato italiano (oltre a quelli di Belgio, Paesi Bassi, Francia, e Germania), di un nuovo Safety Center.

Quest’ultimo. già presente, oltre a conservare le sue funzioni centrali, come il monitoraggio delle attività sospette avvenute sul proprio account, e la facoltà di rinvenire uno smartphone rubato o perso, semplificherà l’accesso ai dati personali ed agli strumenti per blindarli (es. autenticazione a due fattori). Inoltre, verranno anche aggiunti delle informazioni, e dei suggerimenti, che contribuiranno ad un uso più consapevole degli strumenti a propria disposizione.

In ottica genitoriale, Google ha fatto sapere che le misure in tema di cyberbullismo, eccesso di condivisioni, e time shafting, verranno elaborate di concerto con organizzazioni specializzate, che verranno messe a disposizioni delle nozioni perché si possa insegnare ai figli un uso consapevole della tecnologia. Non solo, sempre dall’interno del nuovo Safety Center, per i genitori sarà possibile attenzionare e gestire le attività dei pargoli che fossero registrati sui servizi a loro dedicati, come YouTube Kids (di recente migliorato) e Google Family Link.

Infine, Google ha annunciato un giro di vite nella gestione dei permessi per accedere ai suoi servizi. Dal prossimo mese per i nuovi utenti, e nel corso del 2019 per tutti, tali permessi – eventualmente concessi alle app di terze parti (es. per effettuare il login tramite l’account Google) – saranno ben spiegati, e relativi ai singoli servizi (es. Google Drive, Google Calendar, Google Contatti), e non più generali: in questo modo, si potrà revocare o concedere il singolo permesso, senza dover fornire un “sì” o un “no” generalizzati.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Davvero un bel casino, decisamente pari a quello che coinvolse, mesi fa, Facebook: anche in questo caso, è valsa la decisione di minimizzare tutto, e di risolvere il problema con tante belle promesse. Anzi, peggio: a fronte di un restyling di strumenti già presenti, è arrivata persino la chiusura di Google Plus che, almeno per via delle sue community, tanto male non era.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!