Iscriviti

Facebook: immagini nuovo visore, social ombra per i bot, filtri per il NewsFeed

Sorpreso forse in un test, o in un roll-out graduale, in merito ai filtri per il Feed del proprio client Android, Facebook ha fornito interessanti notizie

Internet e Social
Pubblicato il 27 luglio 2020, alle ore 11:54

Mi piace
9
0
Facebook: immagini nuovo visore, social ombra per i bot, filtri per il NewsFeed

Costantemente diviso tra presente e futuro, il più  importante social network al mondo non perde mai occasione per calcare le prime pagine hi-.tech, come appena fatto, grazie alla curiosa comparsa di utili filtri per il NewsFeed, nel client per Android, al varo di un Facebook “ombra” per addestrare gli algoritmi, e ai primi avvistamenti concreti del suo nuovo e aggiornato visore Oculus Quest

La prima novità facebookiana di quest’avvio di settimana riguarda la scoperta di un utente iscritto al gruppo FB del portale Mobileworld, secondo i cui screenshot Menlo Park starebbe lavorando a una modifica per il NewsFeed, volta a coinvolgere i post che si tendono a leggere nella propria Timeline

A quanto pare, diversi utenti, non è chiaro se coinvolti in un test limitato o in un roll-out graduale, si sarebbero trovati, nel proprio client Facebook per Android, una barra in alto, sotto le icone relative a gruppi, Watch, impostazioni del profilo, comprensiva di tre voci, Home, Recenti, Visualizzati, incaricate di filtrare i post mostrando, rispettivamente, tutti quelli presenti, solo quelli recenti, o quelli già visualizzati. Tippando uno dei tre criteri menzionati, in basso apparirebbe un menu contestuale comprensivo delle opzioni complete tributabili alla visualizzazione dei contenuti (compresa quella già scelta). 

Sempre Facebook, questa volta per diretta ammissione del responsabile del progetto, Mark Harman, ha reso noto – mediante un post sul blog ufficiale del social – di aver creato dei bot che simulano il comportamento reale delle persone quando interagiscono sulla piattaforma (vistando pagine, inviando richieste di amicizia, mettendo i like, commentando i post altrui, etc), a volte violando anche le policy del social, allorché tentano di pubblicare contenuti non permessi, di vendere prodotti come armi e droga, o di accedere oltremisura ai dati degli utenti (in questo caso falsi). 

Lo scopo del progetto, che per non interferire con gli utenti veri e propri si sta svolgendo come progetto di ricerca di una versione parallela di Facebook (basata sullo stesso codice del vero social), è quello di addestrare gli algoritmi atti a fronteggiare le violazioni e lo spam, onde assicurarsi che risultino efficaci proattivamente, prima che le minacce colpiscano gli utenti reali. 

Di recente, si è vociferato dell’intenzione di Facebook, abbandonato Oculus Go, di lavorare a una versione più potente del proprio visore wireless Oculus Quest: ciò sarebbe stato confermato anche da alcune freschissime immagini condivise su Reddit, nelle quali si possono apprezzare scatti reali di prototipi praticamente finalizzati, a conferma che mancherebbero ormai poche settimane al lancio di questa nuova iniziativa hardware. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - In effetti, in qualche modo Facebook doveva pur addestrare i suoi algoritmi se vuole che siano più bravi nel prevedere le minacce: diversamente, sarebbe inutile lamentarsi della loro scarsa efficacia. Speriamo, però, che questo progetto di ricerca non abbia effetti collaterali: per il resto, i filtri su Android sarebbero molto utili, ma vanno affinati, visto che ora il menu contestuale sembra un po' ripetitivo rispetto ai filtri stessi. Sul visore VR di inizio autunno, ci sarà sicuramente da divertirsi!

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!