Iscriviti

Luca Manfredi, il film su Alberto Sordi per farlo conoscere ai giovani

Luca Manfredi, figlio del celebre Nino, decide di rendere omaggio ad Alberto Sordi, in un film per la televisione che andrà in onda nel mese di aprile sulle reti Rai in modo che non vada dimenticato e che le generazioni future possano conoscerlo e apprezzarlo.

Televisione
Pubblicato il 28 febbraio 2020, alle ore 17:08

Mi piace
7
0
Luca Manfredi, il film su Alberto Sordi per farlo conoscere ai giovani

In seguito a un sondaggio rivolto ai giovani in cui si chiedeva chi fosse Albertone, molti di loro hanno risposto riferendosi ad Alberto Tomba, lo sciatore oppure Alberto Angela, noto divulgatore scientifico. Nessuno di loro ha pensato ad Alberto Sordi, grande attore, icona del cinema e patrimonio artistico, culturale e anche umano italiano. Per questa ragione, Luca Manfredi, figlio del celebre Nino, ha deciso di dirigere un film che lo racconti in modo che i giovani sappiano chi sia. 

Come racconta all’Adnkronos, questo è il suo intento, considerando che quest’anno cade il centenario della sua nascita e lui vuole omaggiarlo in questo modo. Un film che racconta un Alberto Sordi in una versione più intima e personale meno cinematografica, che andrà in onda sulle reti Rai il prossimo 21 aprile, durante il Natale, dopo che nei giorni del 24-25-26 febbraio è stato fruibile al cinema. 

Il suo intento è fare in modo che icone come Alberto Sordi e anche suo padre non vengano dimenticate e siano ricordate, anche da chi non ha vissuto quel periodo. “Quando quattro anni fa decisi di fare un film su mio padre, lo feci perché mi ero accorto che quasi nessuno degli amici sedicenni di mio figlio lo conosceva. Così si rischia di dimenticare in pochi anni miti come Totò, Anna Magnani, Stanlio & Ollio. Siamo un paese che dimentica in fretta, non possiamo permetterlo”.

Un film che racconta la determinazione di Sordi, i suoi primi 20 anni di carriera, sin da quando è stato cacciato dall’Accademia dei Filodrammatici di Milano compreso il grande successo giunto nel 1957 con il suo film “Un americano a Roma”, che gli ha dato grande fama e notorietà facendolo conoscere e apprezzare ovunque. 

Una pellicola in cui s’impara a conoscere il Sordi più privato e personale, ma anche un uomo con le fragilità e le debolezze di chiunque. Un film che racconta anche i grandi amori della sua vita, come quello per Andreina, il rapporto con la famiglia, a cominciare dalla mamma, sino a incontri importanti come Aldo Fabrizi e il grande Corrado. 

Inoltre, Sordi è stato il simbolo dell’italiano medio, ma anche l’uomo che ha interpretato e raccontato una miriade di personaggi, quali l’eroe, il vigliacco, l’ingenuo e il cinico calcolatore, oltre alla vittima e al persecutore.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Simona Bernini

Simona Bernini - Sorprendente che i giovani di oggi non conoscano Alberto Sordi, una icona del cinema, ma anche grande personaggio, oltre a essere un simbolo. Speriamo che questo film possa avvicinare molti giovani al suo talento, imparare a conoscerlo e apprezzarlo come merita, affinché non vada dimenticato. Alberto Sordi è stato un attore e personaggio unico, che ha lasciato un grande vuoto e parte della storia e il cinema italiano.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!