Iscriviti

Instagram: torna su Windows 10 Mobile, sperimenta Storie concatenate, "regionali", con Reactions, ed una barra per IGTV

Instagram, partecipando alla vena creativa delle app partner, dopo essere tornata sui device con Windows 10 Mobile, inizia a sperimentare le Storie concatenate e, quindi, più lunghe, e quelle regionali (ad uso spiccatamente pubblicitario). Oltre a molto altro.

Software e App
Pubblicato il 27 luglio 2018, alle ore 14:37

Mi piace
11
0
Instagram: torna su Windows 10 Mobile, sperimenta Storie concatenate, "regionali", con Reactions, ed una barra per IGTV

Instagram non si sottrae alla vena di creatività ed attivismo che sta coinvolgendo tutte le app di Menlo Park. In queste ore, la nota piattaforma di photo-sharing ha avviato – tra i tanti – il test delle “Storie” regionali, di quelle “concatenate”, ed è tornata a dar prova della propria presenza sui device con Windows 10 Mobile.

La prima novità di Instagram è di carattere marginale, sostanziata nell’ancora esiguo numero di utenti Android che, al momento, può già beneficiare della facoltà di rimuovere manualmente i follower senza che ciò venga notificato ad eventuali “rancorosi” fan: per veridicare l’avvenuta abilitazione di cotal feature, basta portarsi nell’elenco dei propri follower e, quivi giunti, cercare  – a destra del nickname del contatto – l’icona dei 3 pallini che, se premuta, offrirà – appunto – l’opzione “rimuovi”.

Sempre in tema di collaudi, ma per lo più calibrato a favore delle imprese che meditano il varo di campagne pubblicitarie “territoriali”, si inserisce quanto scoperto da WABetaInfo e da Matt Navarra, secondo i quali il team di Kevin Systrom starebbe testando l’opzione, da introdursi nelle impostazioni delle Storie, sotto la voce che ne supporta la ricondivisione, che consentirà al creator di scegliere i mercati in cui rendere fruibile la Storia.

Legato ad alcuni mercati è poi l’ennesimo test funzionale, prima scoperto da Reddit e poi confermato dalla stessa piattaforma: in questo caso, le Storie verrebbero coinvolte in merito all’interazione da parte degli spettatori. Questi ultimi, a quanto pare, potranno usare un bouquet di 5 o 6 emoji per “reagire” alle Storie, come avviene su Facebook dal 2016, con il creator che vedrà tali forme di risposta non nella sua messaggeria diretta, ma nell’area delle Storie, assieme all’elenco degli spettatori.

Non molto tempo fa, Instagram ha lanciato un canale, IGTV, dedicato ai video verticali lunghi. Per favorirne la popolarità, un po’ come fatto a suo tempo con le Storie, si sta testando – a beneficio di pochi utenti Android – una barra posizionata dopo quella delle Storie, ma prima dei post pubblicati dai contatti seguiti. Tale sezione contiene miniature con frame tratti dai filmati, e l’indicazione sia della durata che del creator dei medesimi.

Anche il mondo Windows ha beneficiato delle attenzioni di Instagram che, giunta alla versione 41.1788.51075.0, risolve alcuni bug (non quello che, all’apertura dell’app su un device mobile la porta automaticamente alla feature fotocamera) ma, soprattutto, sancisce il ritorno della medesima anche sui device mobili animati da Windows 10 Mobile release 1607 (es. il Lumia 930), dopo la sparizione avvenuta lo scorso Aprile.

Infine, le Storie “più lunghe”. Secondo alcune fonti, sull’Instagram per Android di alcuni utenti, il tasto “senza tenere premuto” (simile a quello delle note vocali di WhatsApp) permetterebbe non solo di registrare in modo meno stancante brevi spezzoni di video, pubblicandone una serie massima di 10, ma la stessa cosa si potrebbe fare anche con le Storie che, pur rimanendo ancorate a 15 secondi, potrebbero essere concatenare in una serie di massimo 10 elementi. Su ognuno di questi ultimi (eliminabili, a discrezione) sarebbe possibile accludere stickers, commenti, filtri, etc.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Instagram sta spingendo sulle Storie come, forse, neanche Snapchat – che pure le ha inventate – ha mai fatto. Ora, con le novità in questione, questo formato – già parzialmente omaggiato delle rincondivisioni in stile Regram – potrà allungarsi ulteriormente (finendo, però, col competere con l’interna IGTV, però rilanciata con una barra ad hoc), ed aprirà la strada alle campagne pubblicitarie regionali ed a una maggiore interazione degli spettatori.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!