Iscriviti

Instagram: chiarezza sullo shadowban, tanti rumors su prossime funzioni

Perennemente impegnata nello sviluppare nuove funzioni, scovata ancora una volta dai leakers, Instagram ha omaggiato il Pride Month, e avviato una serie di post per la trasparenza, anche per stoppare le insinuazioni di shadowbanning.

Software e App
Pubblicato il 9 giugno 2021, alle ore 20:45

Mi piace
2
0
Instagram: chiarezza sullo shadowban, tanti rumors su prossime funzioni

Instagram, la piattaforma di photo sharing del gruppo Facebook, inaugurata una serie di post in ottica trasparenza tramite il proprio blog ufficiale, assolto a un piccolo quanto doveroso aggiornamento per l’inclusività, ha proseguito nello sviluppo di novità, puntualmente svelate dai leakers. 

In tema di rumors, l’indomabile reverse engineering del leaker Alessandro Paluzzi ha svelato, al netto dell’abilitazione di diversi hashtag arcobaleno (es. #equality, #pansexual, #pride, #wearefamily) in omaggio al Pride Month, non poche novità ancora in sviluppo: si parte col Visual Search, una ricerca visuale che, sulla base di quelli visualizzati in un video, permetterà di cercare prodotti simili nei negozi (Shops). I Reels, mini video creativi orditi in ottica anti TikTok, in un futuro aggiornamento potranno essere creati direttamente dal profilo, ove sarà collocato un collegamento alla scheda dei summenzionati Reels. 

Non è diminuita l’attenzione alle Storie, anzi: il formato in questione, “preso in prestito” a suo tempo da Snapchat, guadagnerà la funzione delle bozze, Story Drafts, per riprenderne il processo creativo in un secondo momento: a quanto pare, i programmatori del CEO Adam Mosseri continuano a impegnarsi in tal senso, come emerso da uno screenshot nel quale si palesa che le bozze dureranno 7 giorni, trascorsi i quali non saranno più recuperabili. 

Volta a trattenere i suoi migliori creators, Instagram è molto presa anche dallo sviluppo delle funzioni per la monetizzazione: in tal senso, è allo studio una sezione “Monetization Help” che, come da denominazione, permetterà agli utenti di chiedere assistenza nel caso riscontrassero contrattempi o problematiche con le funzioni della monetizzazione. 

Infine, con lo scopo di replicare alle accuse di shadowbannare alcuni post (nascondendoli ai follower, senza che l’autore se ne accorga), in occasione della Creator Week, il CEO Mosseri ha inaugurato una serie di post, sul blog ufficiale della piattaforma, partendo dalla spiegazione dei parametri in ragione dei quali alcuni post vengono visti maggiormente (quanti sono i post che hanno ricevuto apprezzamenti dall’utente, il relativo storico delle interazioni per capire se commenti o no qualcuno, la popolarità di una persona misurata dal numero di utenti che vi hanno interagito nelle ultime settimane, i metadati di un post in relazione a popolarità, dove sia registrato un video e quanto sia lungo, quando è stato pubblicato un post, etc). In più, mediante notifiche in-app, in tempo reale il creator sarà edotto del perché e del come abbiano violato le guideline della piattaforma i post che sono stati eliminati

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Un po' di trasparenza in più, in merito a quel che vediamo o meno, è ovviamente sempre assai ben gradito: sarebbe il caso, però, che i post di Mosseri in tal senso venissero pubblicizzati anche in-platform, per sopire alcune folate dietrologiche e cospiratorie. Per il resto, le funzioni in sviluppo, scoperte da Paluzzi, probabilmente con qualche mese di distanza sul varo ufficiale, confermano come Instagram sia sempre più lontana da quella che era alle origini.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!