Iscriviti

Google e Facebook: problemi con la privacy (e multe) per Google Maps e Messenger Kids

Una celebre hit della popstar Britney Spears, "Oops!...I Did It Again", esprime bene la situazione di Google e Facebook che, dopo le recenti polemiche sulla privacy, si avviano a subirne altre, questa volta per colpa di Google Maps e Messenger Kids.

Software e App
Pubblicato il 24 luglio 2019, alle ore 00:55

Mi piace
9
0
Google e Facebook: problemi con la privacy (e multe) per Google Maps e Messenger Kids

Ascolta questo articolo

Quello attuale è, senza dubbio, un pessimo momento per i big della tecnologia, in particolar modo per Facebook che, a seguito dell’affaire “Cambridge Analytica”, è stata condannata a una multa di 5 miliardi di dollari, e per Google, in procinto di essere sanzionata per aver spiato i minori di 13 anni tramite YouTube, a scopo di profilazione pubblicitaria. A quanto pare, però, per le due aziende in questione, le grane non sono affatto finite.

È notizia delle scorse ore che si avvia a conclusione, dopo ben 9 anni dal suo inizio, l’indagine avviata nel lontano 2010 per il caso “Wi-Spy”, in base al quale le auto di Google Maps, intente a girare per le strade di mezzo mondo (nello specifico, 30 paesi), con lo scopo di ottenere riprese a 360° da integrare in Street View, nell’agganciarsi alle reti Wi-Fi scoperte che incontravano, hanno finito per acquisire i dati personali degli utenti ad esse collegati.

La vicenda, ammessa per altro dalla stessa Google, che rendicontò d’essere entrata in possesso sia di dati identificativi, che di password e mail delle “vittime”, si concluderà a breve con una multa di 13 milioni di dollari.

Una beffa, se si considera che tale ammenda è 1/6 di quanto fattura Mountain View in una sola giornata, e tenuto conto che non tutti gli utenti coinvolti, difficili da identificare dopo tanti anni, riceveranno un risarcimento (di fatti limitato a 20 persone che, all’epoca, denunciarono l’accaduto tramite una class action). Google, a tal proposito, nel promettere una maggiore tutela e protezione della privacy in futuro, ha rivelato che procederà con la cancellazione di ogni dato sensibile “inavvertitamente” raccolto all’epoca dalle sue Cars mappatrici. 

Anche Facebook, che si appresta a chiudere a caro prezzo lo scandalo Cambridge Analytica, è finita nuovamente nell’occhio del ciclone, per quanto successo questa volta con l’app Messenger Kids (più che altro usata in Canada, USA, Messico, e Perù) quale strumento di parental control per consentire ai bambini di chattare, ma solo con contatti validati dai genitori.

A quanto pare, per un bug, attivo non si sa da quanto tempo, ed a danno di chissà quanti minori coinvolti, gli adulti potevano creare delle chat di gruppo, alle quali invitare altri adulti, con la conseguenza che i propri amici minori finivano in contatto con altri adulti, non autorizzati dai genitori dei primi, all’insegna di un potenziale pericolo di pedofilia (o di esposizione a contenuti inadatti, come accaduto tempo fa agli users di YouTube Kids, coinvolti nella visione di cartoni animati violenti e per adulti). 

La questione, non ammessa pubblicamente da Facebook, scoperta da The Verge in base ad alcune segnalazioni ricevute, si è risolta con Facebook che, dopo aver sanato il bug e chiuso i gruppi incriminati, ha avvisato alcune migliaia di genitori coinvolti, fornendo loro risorse aggiuntive per la sicurezza online e su Messenger Kids. Considerando che tale app, rivolta ai minori di 13 anni, ricade sotto l’egida del COPPA (Children’s Online Privacy Protection Act), è verosimile pensare che il tutto avrà ulteriori ripercussioni. anche di stampo legale, posto che da sempre varie ONG per la tutela della riservatezza avevano accusato M.K di profilare i minori (raccogliendone i dati) e di non essere sicura. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - E niente: Facebook è sempre Facebook. Sembra quasi comico il modo in cui Menlo Park ricade sempre, sistematicamente, nella stessa tipologia di problemi, a volte anche banali, esponendo i propri utenti a pericoli, veri e propri, o a "semplici" danni alla privacy. Dello scandalo delle Google Maps ricordo ancora qualcosa, sebbene sia passato molto tempo: la giustizia, in questo caso, è stata lenta e, a conti fatti (è il caso di dirlo), del tutto inefficace (la classica montagna che ha "partorito il topolino").

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!