Iscriviti

Facebook in entrata il nuovo Messenger 4, in uscita il creatore del visore VR Oculus

Facebook procede verso nuovi orizzonti, scanditi dal rilascio continuo di novità migliorative, come il prossimo roll-out del rinnovato Messenger 4, perdendo – qua e là – dirigenti preziosi, come il creatore di Oculus.

Software e App
Pubblicato il 24 ottobre 2018, alle ore 12:03

Mi piace
6
0
Facebook in entrata il nuovo Messenger 4, in uscita il creatore del visore VR Oculus

Ultimamente, Facebook sta imprimendo – sulla scia dei desiderata di Mark Zuckerberg – una spinta molto forte ai vari settori nei quali è attiva: ciò risulta tangibile da due indicatori, tra cui la fuoriuscita da Menlo Park di sempre più numerosi dirigenti di peso del gruppo, ed il contemporaneo macinare di nuove funzionalità. Esattamente come accaduto nelle scorse ore, grazie a due novità di non poco conto.

Facebook, negli ultimi mesi, perde pezzi come un puzzle fuori fase. Ad Aprile, ad andarsene era stato Jan Koum, che quattro anni prima aveva venduto WhatsApp al social network in blu: in seguito, ovvero un mese fa, erano stati i due ideatori di Instagram, Kevin Systrom e Mike Krieger, ad annunciare – con molta cortesia e diplomazia – la loro intenzione di concentrarsi su un nuovo progetto.

A quanto pare, però, i contrasti con Zuckerberg – spesso per questioni di gestione dei dati personali, e di monetizzazione delle varie piattaforme – non si sarebbero esauriti qui.TechCrunch, infatti, ha riportato – poi confermata dal diretto interessato – l’addio di Brendan Iribe, il creatore (assieme al collega Palmer Lucky, di Oculus, la società incentrata sui noti visori per la realtà virtuale, poi ceduta a Zuckerberg nel 2014 per la bella cifra di 2 milioni di dollari.

Nel ringraziare l’ex CEO di Oculus, che si è detto orgoglioso di aver inaugurato una rivoluzione di paradigma che cambierà il mondo in un modo che non si riesce nemmeno a immaginare”, Zuckerberg ha spiegato che, se la sua azienda ora è a lavoro così convintamente sulla realtà virtuale, lo deve proprio a colui che, per tanti anni, ha creduto nell’impossibile, ovvero a Iribe. Che, però, se ne va.

Infine, le novità relative a una celebre applicazione del pacchetto Facebook, rappresentata da Messenger, la chat-app del social usata ogni mese da 1.3 miliardi di utenti. Quest’ultima, nel corso del tempo, si è arricchita di varie funzionalità, alcune delle quali mutuate da Snapchat (come le Storie, che solo a Settembre vantavano 300 milioni di utenti attivi al dì) che – però – l’hanno resa piuttosto confusionaria.

Ecco perché, già nel corso del passato F8 dedicato agli sviluppatori, Zuckerberg promise una rivisitazione di Messenger che, secondo il vice-responsabile Stan Chudnovsky, sarebbe ormai pronta.

Messenger 4, calendarizzato per il rilascio a scaglioni nelle prossime settimane, si distinguerà inizialmente per la feature “Sfumature di colore”, in virtù della quale un utente potrà cambiare la tonalità delle bolle conversazionali sì da rispecchiare e rendere immediatamente identificabile a colpo d’occhio – ad esempio – l’argomento delle conversazioni, e per una compattazione della schermata Home, al cui interno le 9 schede precedenti saranno sostituite da 3 sole tabs, formate da Chat (ove sono listate le conversazioni), Persone (comprensiva dei contatti attivi e delle relative Storie), e Scopri (tramite cui accedere anche ai mini-giochi in-app).

Quest’ultima, in particolare, includerà anche le chat con le aziende, segmento cruciale per la monetizzazione dell’app, ad oggi possibile tramite le inserzioni nelle Storie degli amici, la pubblicità nelle caselle di posta degli utenti, ed i banner click-to-messenger della bacheca facebookiana.In seguito, ha spiegato Chudnovsky, arriverà anche una complessiva rivisitazione dell’interfaccia di Messenger, oltre all’attesa modalità scura.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Fabrizio Ferrara

Fabrizio Ferrara - Personalmente, non mi stupisco di certi cambi al vertice di Facebook: è normale che certi dirigenti, vendute le loro creature, finiscano con l’aver meno peso nelle decisioni prese a Menlo Park. Pensare di incassare milioni di dollari, e di continuare a dettare la linea di quanto venduto, è puerile: o si tiene duro, come fa Evan Spiegel di Snapchat, e si rischia il proprio capitale, o si vende la propria creatura, accettando le conseguenze di vederla, potenzialmente, snaturata. Più interessante, per l’utenza comune, la novità relativa a Messenger che, in effetti, s’era gravata di troppe funzionalità accessorie e che, ora, tornerà a focalizzarsi sul suo scopo principale, ovvero mettere le persone in contatto con amici e aziende.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!