Iscriviti

Tumore al seno: troppa carne rossa da giovani aumenta il rischio

L'insorgenza del tumore al seno aumenta se si consuma troppa carne rossa da giovani. Gli scienziati consigliano delle alternative

Salute
Pubblicato il 12 giugno 2014, alle ore 10:36

Mi piace
0
0
Tumore al seno: troppa carne rossa da giovani aumenta il rischio

Il rischio di tumore al seno aumenta se si consuma troppa carne rossa quando si è giovani. È questo ciò che emerge da un recente studio. Fino a questo momento la scienza non era ancora riuscita a trovare un legame tra l’insorgenza del cancro al seno ed il consumo di carne rossa. Secondo gli scienziati che hanno condotto questa indagine, invece, si tratta di un alimento molto pericoloso.

La carne rossa, di recente, era stata ritenuta responsabile dello sviluppo del cancro al colon, ma adesso si è trovata una correlazione anche con il cancro al seno. Ma se per il cancro al colon le abitudini alimentari indagate erano quelle dell’età adulta, per il carcinoma mammario le indagini hanno scavato nell’alimentazione dei primi anni dell’età adulta. I ricercatori hanno analizzato le abitudini alimentari di oltre 86 mila donne con età tra i 26 ed i 45 anni alle quali avevano sottoposto delle domande circa le loro abitudini alimentari nel 1991 ed erano state poi seguite per più di 20 anni per valutare le loro condizioni di salute. Gli scienziati hanno potuto notare una correlazione fra il consumo di carne e l’insorgenza, negli anni successivi, di un carcinoma della mammella. I cibi sono stati suddivisi tra carni rosse non lavorate (come manzo, maiale, hamburger ed agnello), carni rosse lavorate (come bacon, salsicce e hot dog), pollame (come pollo e tacchino), pesce (come salmone, tonno, sgombro e sardine), legumi (come piselli, lenticchie e fagioli) e noci. I ricercatori hanno, quindi, indagato sulla frequenza con la quale le donne consumavano questi alimenti ed inoltre hanno valutato il rischio di insorgenza di tumore al seno in base all’età, ai precedenti casi in famiglia, all’uso di contraccettivi orali, alla menopausa e allo stato ormonale delle donne che si sono sottoposte alla sperimentazione. Incrociando questi dati i ricercatori sono arrivati alla conclusione che un consumo eccessivo carne rossa da giovani aumenta del 22% il rischio di sviluppare il cancro al seno. Il rischio scende vertiginosamente se si consumano le carni bianche.

La sperimentazione dei ricercatori va ancora avanti per delineare bene la correlazione tra il consumo di carne rossa e l’insorgenza del cancro al seno, ma nel frattempo i ricercatori consigliano di sostituire la carne rossa con “una combinazione di fagioli, piselli, lenticchie, pollame, noci e pesce, che può aiutare a ridurre il rischio di tumore al seno nelle donne più giovani. Come ha effetto protettivo anche mantenere un peso nella norma, fare attività fisica e consumare meno alcol” sostengono gli esperti.

Video interessanti:
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!