Iscriviti

UE, un documento interno vieta ai dipendenti di nominare le parole "Natale" e "Maria"

Lo si legge in un documento interno della Commissione UE visionato anche dal quotidiano Il Giornale. Per la UE si deve sempre utilizzare una comunicazione inclusiva indipendentemente dal sesso, razza o origine etnica, religione o credo.

Politica
Pubblicato il 29 novembre 2021, alle ore 11:43

Mi piace
0
0
UE, un documento interno vieta ai dipendenti di nominare le parole "Natale" e "Maria"

Sta facendo assai disuctere una notizia apparsa in queste ultime ore su diversi media nazionali e internazionali riguardo ad un documento interno della Unione Europea, il quale mira a formare una “comunicazione inclusiva”. Il documento, che si chiama #UnionofEquality , indica in sostanza i criteri da adottare per tutti i dipendenti della Commissione nella comunicazione esterna ed interna. Non si tratta di “regole” che riguardano il resto della popolazione europea.

Helena Dalli, Commissario per l’uguaglianza, ha giustificato il provvedimento affermando che tutte le persone che lavorano all’interno della Commissione UE si debbano sentire incluse “indipendentemente dal sesso, razza o origine etnica, religione o credo, disabilità, età o orientamento sessuale”. Una prima regola riguarda l’utlizzo di nomi di genere, come ad esempio operai o poliziotti, mentre è vietato anche utilizzare “Miss o Mrs”, tranne se il destinatorio della comunicazione lo abbia indicato in modo esplicito di segnalarlo in questa maniera. 

Una forma di rispetto

Durante le conferenza stampa poi si deve evitare di utilizzare la formula “signori e signore”, ma bisogna utilizzare quella più neutra “cari colleghi”. “Fai attenzione a non menzionare sempre prima lo stesso sesso nell’ordine delle parole, o a rivolgerti a uomini e donne in modo diverso” – così recita il documento. 

Per quanto riguarda sempre le regole interne da utilizzare, per la Commissione si dovrebbe anche evitare di dire che “il fuoco è la più grande invenzione dell’uomo” in quanto sarebbe più giusto affermare che “il fuoco è la più grande invenzione dell’umanità”. Per la Commissione bisogna evitare anche di pensare che chiunque sia cristiano.

Per questo non bisognerebbe utilizzare “periodo natalizio” quando si parla del periodo delle Festività, ma in generale bisognerebbe utilizzare il termine più neutro come “periodo delle vacanze”. Per la Commissione bisogna anche moderare l’uso di alcuni nomi propri di persona come “Maria”, che riportano quindi ad una tradizione cristiana, usando più in generale nomi quali “Malika”

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - Un documento che sta veramente facendo discutere quello emanato dalla Commissione UE, un documento che, lo precisiamo, è interno e che non riguarda il resto della popolazione. Si tratta in sostanza di rispettare le diversità e le culture altrui. Tali regole sono state sottoscritte proprio affinchè nessuno si senta diverso.

Lascia un tuo commento
Commenti
Quasimodo Boreale
Quasimodo Boreale

01 dicembre 2021 - 08:34:49

Bell'articolo. Un po meno st'ennesima baciata di c**o alle "Minoranze", che siano interne o esterne. Dubito che un "buon Natale" possa offendere qualcuno, così come le altre feste religiose di altri paesi. Smettiamola di adottare la "campana di vetro" in nome dell'uguaglianza e della libertà, non porta né la prima né tutela la seconda.

0
Rispondi