Iscriviti

Silvio Berlusconi chiama la senatrice Bianca Laura Granato: "Sono il signor bunga bunga"

Il leader di Forza Italia è deciso a diventare capo dello Stato con i voti dei deputati delle diverse correnti politiche. E per farlo usa la parola magica delle serata di Arcore

Politica
Pubblicato il 14 gennaio 2022, alle ore 15:29

Mi piace
0
0
Silvio Berlusconi chiama la senatrice Bianca Laura Granato: "Sono il signor bunga bunga"

Silvio Berlusconi è deciso a salire al Colle e, per farlo, punta sui “bunga bunga“. È questa infatti la parola magica che il Cavaliere sta pronunciando nei suoi contatti telefonici con i deputati che potrebbe essergli utili per diventare capo di Stato.

A dirlo è la senatrice del gruppo Misto, Bianca Laura Granato, che ha raccontato un retroscena inedito: Silvio Berlusconi l’ha telefonata debuttando con un deciso “sono il signor bunga bunga”. Lei ha riso, anche se non ha ricevuto alcuna proposta indecente, solo l’invito a votare per chi ha trasformato la politica in un teatrino a luci rosse.

Il Cavaliere si è informato sulle posizioni della senatrice sui vaccini. Lei è contraria all’obbligo vaccinale e al Green Pass, quindi si può fare, perché pare proprio che Berlusconi voglia puntare su elettori nemici delle punturine anti-Covid. E così l’ascesa di Berlusconi al Quirinale si arricchisce di un’altra tattica: quella del bunga bunga.

Una tattica che il capo di Forza Italia pare stia usando con tutti i suoi contatti. Tra questi c’è il deputato Cristian Romaniello, anch’essi chiamato dal “signor bunga bunga”, che cerca di accattivarsi le simpatie dei votanti con modi di fare tra il serio e il faceto. “Ciao Cristian, ti interessa il partito del bunga bunga?”, avrebbe esordito il Cav con lui secondo La Stampa.

Il tutto è accaduto lunedì sera, mentre il deputato era a casa. L’uomo riceve una telefonata da Vittorio Sgarbi, sponsor del Cavaliere, che gli passa il leader di Forza Italia. La presentazione del bunga bunga e poi una telefonata veloce giusto per convincere il deputato a preferirlo al Quirinale. Stessa cosa è avvenuta con altri politici, soprattutto pentastellari e renziani. Molti di loro hanno declinato l’offerta, non si sono fatti incantare dalla parola magica. Tanto che il centrodestra pensa ai piani B in caso di bocciatura o di ritiro del Cavaliere dalla corsa per il Colle. Ma lui sembra invece determinato a fare l’esatto contrario, e a provare a farsi strada, a colpi di “bunga bunga”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Davide Spina

Davide Spina - Se Silvio Berlusconi dovesse diventare presidente della Repubblica, non ci sarebbe nulla da meravigliarsi. Perché Berlusconi incarna il prototipo dell'italiano medio che applaude e premia chi, fino a ieri, ha corrotto politici, giudici, testimoni, finanzieri e che porta nel parlamento delle olgettine che, prima di passare per la camera dei deputati, sono passate per la camera da letto di Arcore.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!