Iscriviti

Salvini: le professoresse di filosofia e matematica raccontano come era da adolescente

Maria Adele Bortoli e Silvana Sacerdoti sono state protagoniste di un'intervista al giornale "Il Fatto Quotidiano", in cui hanno raccontato come era Salvini da studente.

Politica
Pubblicato il 19 ottobre 2019, alle ore 14:32

Mi piace
4
0
Salvini: le professoresse di filosofia e matematica raccontano come era da adolescente

Salvini ha avuto modo di parlare del premier Giuseppe Conte con il quale ha ribadito che vorrebbe avere un confronto televisivo. Ha espresso parole molto chiare rispetto all’attuale presidente del consiglio dei ministri, affermando: “Mi ha insultato più della mia prof di filosofia”. Il leader della Lega ha avuto modo di fare il nome di Maria Adele Bortoli, che era l’insegnante di storia e filosofia al liceo frequentato dall’ex ministro dell’Interno.

La professoressa è stata protagonista di un’intervista al giornale “Il Fatto Quotidiano” nel corso della quale, insieme con la professoressa di matematica Silvana Sacerdoti, ha ricordato come era Salvini da studente. L’insegnante ha fatto notare quanto sia cambiato Matteo Salvini dopo essere entrato nel mondo della politica e ha espresso delle parole chiare che non lasciano alcun dubbio.

Le parole delle insegnanti di filosofia e matematica del leader leghista Matteo Salvini

L’insegnante ha rivelato che c’è stata un’evidente involuzione di Salvini nell’uso del linguaggio rispetto al periodo nel quale era uno studente. Queste sono le dichiarazioni rilasciate a Il Fatto Quotidiano: “Noto un’esuberanza che negli anni giovanili non vedevo”. La Bortoli ha continuato dicendo che il leader della Lega da studente era più disciplinato e maggiormente pronto ad avere un dialogo.

Sono arrivate anche le parole della professoressa di matematica, che ha parlato di Salvini come di uno studente normale che non aveva un amore particolare per la propria materia.

La professoressa di filosofia ha voluto dare dei consigli al leghista ricordandogli quanto sia importante la filosofia, capace di dare un senso a quella che è la complessità del mondo. Queste sono le dichiarazioni della Bortoli che ha affermato: “Salvini deve ragionare di più, utilizzare il metodo della logica, approfondire i processi storici, avere riguardo per le differenze. Infine, ha ricordato quando fece leggere a Salvini come studente il libro di Gramsci sulla questione meridionale.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Gaetano Perrotta

Gaetano Perrotta - Al di là di qualche puntualizzazione e consiglio da parte delle professoresse di matematica e filosofia, si può capire che il leader della Lega Matteo Salvini sia sempre stato così Quest'ultimo si è sempre distinto per essere un leader ed era pronto per avere un confronto. Sicuramente era un predestinato per ricoprire ruoli importanti.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!