Iscriviti

Salvini e la conferma sulla reintroduzione della leva militare: "splendida esperienza per imparare il rispetto"

In occasione dell'adunata degli Alpini, il ministro Matteo Salvini riprende il discorso sulla leva militare o servizio civile obbligatorio: "i ragazzi impareranno il rispetto".

Politica
Pubblicato il 12 maggio 2019, alle ore 13:15

Mi piace
2
0
Salvini e la conferma sulla reintroduzione della leva militare: "splendida esperienza per imparare il rispetto"

Non vogliamo mandare i giovani in guerra, ma insegnare loro ad essere operativi e svegli come quando c’è un terremoto“, così ha spiegato il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, la sua idea di reintrodurre la leva militare o il servizio civile obbligatorio per i ragazzi e le ragazze italiane. Dopo molto tempo dalla sua iniziale proposta, il politico ritorna in argomento in occasione della sua visita alla Cittadella degli Alpini, a Milano, dove si sta svolgendo l’Adunata nazionale delle Penne Nere.

Così come spiega Salvini, la vera proposta è stata fatta proprio dall’Associazione nazionale Alpini, ma il ministro si trova favorevole alla loro idea seppur apportando alcune modifiche. Contrariamente ai 12 mesi svolti in fanteria dal ministro, così come racconta lo stesso Salvini, proporrebbe un periodo di tempo più breve, magari 6 mesi, ed una forma di servizio civile svolto nei pronto soccorso, pronto intervento, oppure nella protezione civile, affermando che si tratterebbe di una splendida esperienza per i giovani di oggi.

Alla domanda se i suoi alleati politici sarebbero a favore di questa proposta, il ministro dell’Interno risponde che probabilmente la Lega si troverà da sola a combattere per questa reintroduzione, ma che non per questo non ci proveranno fino alla fine.

L’ultimo commento lo dedica agli Alpini, che hanno “invaso pacificamente” la città di Milano. “Sono la parte bella dell’Italia“, afferma Matteo Salvini, definendosi un milanese orgoglioso nel vedere ogni anno il loro arrivo pacifico, educato, rispettoso e civile.

Contestazioni all’arrivo del ministro dell’Interno

Non sono mancate alcune contestazioni all’arrivo del ministro Matteo Salvini. A farsi sentire sono stati due giovani, un ragazzo ed una ragazza, che hanno urlato la loro disapprovazione per le idee politiche del ministro dell’Interno con alcuni “buu” e “vergogna” contro il politico, aggiungendo anche il loro dissenso sulla reintroduzione della leva militare obbligatoria. I giovani sono stati identificati e segnalati dalla polizia di Milano.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - Non è la prima volta che il ministro dell'Interno Matteo Salvini parla di voler reintrodurre il servizio militare obbligatorio. In molti Stati esiste ancora questa "esperienza" svolta dai giovani, in alcuni casi per breve durata ed in altri per un paio d'anni. Anche se in Italia dovesse ritornare questo servizio, non penso farebbe del male a nessuno, anzi.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!