Iscriviti

Salvini contro Baglioni: "Non andrò a Sanremo. Non ascolterò comizi politici"

Il vicepremier rompe il silenzio sulle polemiche innescate dal conduttore sull'emergenza migranti: "Pagato coi soldi pubblici". Contro Baglioni anche i New Trolls: "Ha bocciato una nostra canzone che parlava di immigrazione"

Politica
Pubblicato il 12 gennaio 2019, alle ore 18:31

Mi piace
4
0
Salvini contro Baglioni: "Non andrò a Sanremo. Non ascolterò comizi politici"

Matteo Salvini rompe il silenzio sulla polemica di Sanremo innescata da Claudio Baglioni, che ha detto di voler portare sul palco del Festival la questione dell’accoglienza agli immigrati. Coadiuvato, in questo, da Claudio Bisio, che ha aggiunto di voler fare un monologo sul tema immigrazione durante la gara canora che si terrà il mese prossimo.

Il vicepremier dopo le polemiche di questi giorni ha spiegato la sua posizione: “Baglioni mi piace(…) Ma siccome è pagato dai cittadini italiani, da una rete pubblica per una iniziativa pubblica se evita di usare il microfono e il palco di Sanremo per fare comizi gli italiani gliene saranno grati“. Il ministro degli Interni ha anche annunciato che non andrà a Sanremo per una delle serate del Festival. Un gesto simbolico che vuole essere una protesta e che rischierà di accendere ulteriormente le polemiche al teatro Ariston, trasformandolo in un androne politico.

Le critiche dei New Trolls

A criticare il cantautore romano, ci si sono messi anche i New Trolls, il gruppo musicile che ha sollevato il caso della sua canzone esclusa dalla kermesse canora senza alcuna spiegazione da parte di Baglioni. Pesanti le loro accusa. Parlano di un Baglioni scortese che dopo aver respinto la canzone non ha nemmeno chiamato il complesso musicale per dare spiegazioni.

Non mi sembre corretto”, dicono i New Trolls “ci aspettavamo che Baglioni ci chiamasse o che almeno ci facesse chiamare. Io ho sempre rispetto verso i colleghi e ritengo che sarebbe doveroso averlo per tutti”.

La canzone dei New Trolls incriminata si intitola “Porte aperte” e parla anche delle paure degli italiani che devono fare i conti ogni giorno con “occhi sconosciuti”, cioè che con immigrati che non conoscono. Parole che a quanto pare non sono state gradite da Baglioni che ha deciso di “cancellare” la canzone dalla gara innescando le prime polemiche.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Mario Barbato

Mario Barbato - Dopo Saviano, adesso la sinistra usa anche Baglioni come oratore favorevole all'immigrazione. C'è poco da stupirsi, perché il cantante romano è sempre stato portato in palmo di mano dalla sinistra. Basta che chi non vuole ascoltare prediche ipocrite e buoniste sui migranti e simili non guardi il Festival di Sanremo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!