Iscriviti

Modena, studenti di destra insultati da insegnante: "Sfigati e decerebrati"

Scoppia la polemica per il post su Facebook di un’insegnante dell’istituto scientifico A. Tassoni, che si è scagliata contro alcuni studenti di destra che facevano volantinaggio davanti alla scuola: “Chiamata alle armi dei decerebrati”.

Politica
Pubblicato il 31 gennaio 2019, alle ore 14:42

Mi piace
3
0
Modena, studenti di destra insultati da insegnante: "Sfigati e decerebrati"

Un’insegnante di un istituto superiore di Modena, Maria Laura Marescalchi, simpatizzante di sinistra ed iscritta al progetto Modena volta pagina, ieri ha pubblicato un post su Facebook con cui ha attaccato pesantemente alcuni studenti, politicamente schierati a destra, che si erano messi a fare volantinaggio di fronte al suo istituto.

I ragazzi appartenevano al gruppo Azione Studentesca, movimento affiliato al circolo culturale Terra dei padri, e stavano propagandando le loro idee in materia di difesa della storia, della tradizione, della cultura e della civiltà italiana, di fronte alla retorica dell’accoglienza di massa e dell’utilità di vivere in un mondo multiculturale e multietnico.

Dopo averli visti distribuire volantini davanti alla scuola, la docente – sul suo profilo Facebook – ha definito quei ragazzi dei decerebrati che vivono una vita misera, ingabbiati in un’identità, una storia e una tradizione, per non sprofondare nel caos multietnico. E li ha definiti un manipolo di sfigati, per fortuna irrisi dalla maggior parte degli studenti”.

Le parole della docente hanno indignato il popolo del web. Ma questo non ha smosso di un millimetro l’insegnante che, anzi, rispondendo a un commento di approvazione da parte di una utente, ha rincarato la dose, definendo il gruppo di Azione Studentesca un gruppo pericoloso, poco considerato dalla maggior parte degli studenti, tranne qualche carro rotto“.

I ragazzi del movimento Terra dei padri  sono rimasti sconvolti dalle parole proferite dall’insegnate. E, sulla loro pagina Facebook, hanno voluto rispondere a modo, chiedendosi come sia possibile che una docente di una scuola pubblica arrivi a offendere e umiliare in questo modo giovani che dimostrano di avere idee opposte alle sue.

Il gruppo di Azione Studentesca ha anche ribadito che la scuola pubblica dovrebbe essere un luogo di libera circolazione del pensiero, dove le discussioni e le contrapposizione sono accettate, ma che dovrebbero sempre mantenersi nei limiti del rispetto delle idee altrui, come condizione necessaria alla convivenza civile all’interno di ogni istituto scolastico.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Mario Barbato

Mario Barbato - Ultimamente, la sinistra italiana sta accusando la destra di riesumare il fascismo. Ma, dopo aver letto il post di questa pseudo-docente, politicamente schierata con i "buonisti", ho l'impressione che il fascismo lo stia rievocando proprio la sinistra, attaccando, offendendo, e definendo decerebrati tutti coloro che non la pensano come lei.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!