Iscriviti

Migranti, l’allarme dei servizi segreti: "Gli scafisti cercano la strage"

Secondo i nostri 007, ci sarebbe la volontà a provocare un rovinoso naufragio per spingere i governi a posizioni più favorevoli all'accoglienza dei migranti, e far tornare le organizzazioni criminali a guadagnare sui profughi.

Politica
Pubblicato il 23 gennaio 2019, alle ore 18:14

Mi piace
3
0
Migranti, l’allarme dei servizi segreti: "Gli scafisti cercano la strage"

Nei giorni scorsi, alcune ong impegnate nel Mediterraneo a raccogliere profughi avevano lanciato un allarme: cento migranti stavano per affogare in mare con tutto il loro gommone. A bordo, secondo le loro informazioni, c’era anche un bambino morto e gente in preda ai primi sintomi di assideramento.

Quella notizia si era però rivelata una fake news: il gommone non stava affondando, e a bordo non c’era nessun bambino morto. A confermarlo era stata la foto scattata da uno degli aerei della missione Sophia, che aveva certificato come i profughi di quel gommone erano stati salvati da un mercantile della Sierra Leone, e riportati sani e salvi sulle coste libiche.

Le ong avevano quindi ingigantito il dramma per scuotere le coscienze pubbliche e costringere l’Europa ad aprire le porte. Una tattica che segna una trovata mediatica volta a suscitare emozione da parte delle ong. Ma sembra che i trafficanti di esseri umani adesso sarebbero pronti ad adottare strategie più cruente.

L’allarme arriva dai servizi segreti italiani: alcuni gruppi criminali vorrebbero realizzare appositamente una strage di migranti nel Mediterraneo per costringere i governi europei ad attuare politiche umanitarie. Politiche che di fatto rimetterebbe in moto il traffico di uomini in grande stile, e permetterebbe ai trafficanti di incassare cifre astronomiche. 

Uno stratagemma simile era già avvenuto nel 2015, quando 700 migranti erano morti durante un naufragio. Quella tragedia convinse l’Europa a dare inizio alla missione Sophia. Ma i sopravvissuti di quel dramma dissero che i trafficanti li avevano obbligati a partire nonostante il mare fosse mosso. Il che fa pensare che la strage fosse, se non voluta, quanto meno sperata.

La storia adesso potrebbe ripetersi. Secondo i servizi segreti, infatti, ci sarebbero finanziatori e gestori del traffico criminale di esseri umani pronti nelle prossime settimane ad indurre i governi ad attuare politiche più accondiscendenti verso l’accoglienza dei migranti. E, per farlo, potrebbero progettare un altro grave e fatale naufragio.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Mario Barbato

Mario Barbato - L'allarme dei servizi segreti è un motivo in più per combattere i trafficanti di uomini. A questi criminali non interessa la vita delle persone, interessa solo il loro tornaconto economico. E, pur di continuare a lucrare sulla pelle dei disperati, sono disposti ad affogarli con le loro stesse mani. E dire che ci sono sindaci, come Lucano, che ha perfino detto che i trafficanti non sono colpevoli, ma vittime delle politiche di Salvini.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!