Iscriviti

Matteo Salvini fischiato a La Spezia, lui risponde a tono: "Se volete i clandestini portateli a casa vostra"

Prima di salire sul palco di Piazza Mentana a La Spezia, il leader della Lega Matteo Salvini ha subito una piccola contestazione da parte di 200 persone.

Politica
Pubblicato il 20 agosto 2020, alle ore 02:05

Mi piace
5
0
Matteo Salvini fischiato a La Spezia, lui risponde a tono: "Se volete i clandestini portateli a casa vostra"

Come riportato dal sito “Città della Spezia”, nella giornata di ieri Matteo Salvini ha tenuto un nuovo comizio nel capoluogo della provincia in Liguria. Il leader della Lega si dichiara convinto che i liguri sceglieranno nuovamente un governo formato dai membri del centrodestra.

Salito sul palco di Piazza Mentana, rivela di non aver paura su una possibile coalizione tra il Partito Democratico e il Movimento 5 Stelle: “Vorrà dire che ne batteremo due al posto di uno. Possono allearsi anche coi marziani, problemi non ce ne sono”.

Parlando della situazione sul Coronavirus dichiara che, grazie al buonsenso degli spezzini e degli italiani, il numero dei contagi è sotto controllo. I dati, sempre secondo Matteo Salvini, dicono che al momento ci sono solamente sessanta persone in terapia intensiva.

La contestazione contro Matteo Salvini

Prima del comizio avvenuto in Piazza Mentana, il leader della Lega è andato a visitare il reparto incursori del piccolo comune di Portovenere. Qui ha trovato sul posto circa duecento contestatori, che, oltre ai cori, hanno affisso alcuni striscioni con sopra scritto “Sei solo un foodblogger“, “Un saluto da Scanzi” e “Mojito e Papeete salvatori del Paese“.

Come riportato dal sito “Il Secolo XIX”, Matteo Salvini ha risposto immediatamente al coro dei manifestanti: “Se volete i clandestini a casa vostra, pagateli e dategli da mangiare. La beneficenza con i soldi degli altri sono tutti buoni a farla. Figli di papà che non siete altro, andate a lavorare!”.

Dopo aver attaccato i contestatori, Matteo Salvini conclude il suo discorso parlando ai leghisti giunti in loco: “Quelli sono lì a protestare con i cartelloni e con il Rolex al polso. Andate a fare un bagno, ascoltandovi Fedez e la Mannoia”. A quanto pare le dure parole dette dal leghista sono state apprezzate, poiché ha ricevuto un forte applauso dai suoi seguaci.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Emanuele Novizio

Emanuele Novizio - Matteo Salvini continua a essere un disco rotto, anche con le presunte offese. Ora i suoi nemici sono diventati Fedez e la Mannoia, e questo fa capire come si sia ormai ridotto. Ma l'unica cosa che mi consola davvero è che, come riportano i dati veri sui sondaggi, la Lega sta perdendo colpi.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!