Iscriviti

L’onorevole Lucio Malan: "No ai matrimoni gay, per la Bibbia l’omosessualità è un abominio"

Intervistato a "Un giorno da pecora" in onda su Rai Radio 1, l'onorevole di Fratelli d'Italia Lucio Malan ha voluto parlare del disegno di legge di Alessandro Zan.

Politica
Pubblicato il 23 novembre 2022, alle ore 11:54

Mi piace
0
0
L’onorevole Lucio Malan: "No ai matrimoni gay, per la Bibbia l’omosessualità è un abominio"

Ascolta questo articolo

In una recente intervista a Rai Radio 1 al programma “Un giorno da pecora” l’onorevole Lucio Malan, senatore della Repubblica dal 2001 e deputato di Fratelli d’Italia, ha iniziato la sua chiacchierata spiegando i motivi del suo addio a Forza Italia di Silvio Berlusconi, rivelando come la posizione del governo Draghi sulla legge Zan abbia influenzato molto sulla propria scelta.

Per Lucio Malan la sua ferma posizione nasce dall’autorità stessa della Bibbia. Infatti, nonostante nel testo sacro non vi sia alcun riferimento ai matrimoni omosessuali: “Non abbiamo il dovere di obbedienza, la Chiesa valdese è fondata sulla Bibbia e non sulla gerarchia. Sulla Bibbia c’è scritto di peggio ed in modo anche più esplicito. Non sui matrimoni ovviamente, a cui nessuno aveva pensato duemila anni. C’è scritto che l’omosessualità è un abominio, sia nell’Antico che nel Nuovo Testamento”.

L’opposizione critica le parole di Lucio Malan

Tra i primi a commentare le dichiarazioni di Malan è Carlo Calenda su Twitter, il leader di Azione: “Non so come qualificare queste esternazioni. Personalmente le considero indegne e sintomo di una profonda ignoranza. Se le nostre regole derivassero dal vecchio testamento non saremmo molto diversi dai talebani. Per fortuna abbiamo avuto il Vangelo e lo Stato laico”.

A intervenire sempre dal partito di Azione è Mara Carfagna che, in maniera sarcastica, ringrazia Lucio Malan: “Grazie per aver spiegato perfettamente perché sono in Azione e non più con voi. Nel 2022 chi definisce l’omosessualità un abominio è fuori dal tempo e dalla storia. Lo stesso pensiero viene condiviso da Mariastella Gelmini, sempre deputata del partito di Carlo Calenda.

L’unico ad aver difeso Lucio Malan è Klevis Gjoka, Vicepresidente Circolo “Pirandello” Fratelli d’Italia: Non ha offeso la sensibilità di nessuno ribadendo un concetto sacrosanto, ovvero che l’istituzione del matrimonio nasce come istituzione religiosa ed è pertanto da sempre eterosessuale per definizione. Questo non significa che le coppie omosessuali debbano avere o abbiano meno diritti di fronte alla legge”.

In merito alle critiche il deputato Malan è intervenuto sempre su Twitter, dichiarando di essere contrario al matrimonio paritario per le coppie omosessuali perché comporterebbe anche il diritto all’adozione e i suoi pensiero resta che i bambini dovrebbero avere un padre e una madre.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Emanuele Novizio

Emanuele Novizio - Le dichiarazioni di Lucio Malan sono totalmente sbagliate, ma che la Bibbia non sia proprio d'accordo sull'omosessualità non è sbagliato. Fortunatamente però ci si può seguire la propria fede senza aver bisogno di legarsi a un libro, seguendo la propria divinità e, allo stesso tempo, essere d'accordo con i matrimoni tra le persone dello stesso sesso.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.