Iscriviti

Lockdown a Natale: il comportamento di tutti può prevenirlo

L'onda dei contagi sale provocando interrogativi: "A Natale ci sarà il lockdown?". Il premier Conte, in risposta, ha preferito parlare di prevenzione perché ciò non accada: la risposta decisiva è nelle buone consuetudini di tutti.

Politica
Pubblicato il 15 ottobre 2020, alle ore 09:10

Mi piace
12
0
Lockdown a Natale: il comportamento di tutti può prevenirlo

Non si può pensare che ci sia il governo che risolve i problemi” ha detto con schiettezza ieri, 14 ottobre 2020, il premier Giuseppe Conte facendo riferimento alla prima ondata dell’epidemia passata grazie anche “a tutta la comunità nazionale” che ha collaborato consentendo di superare “la fase più dura, una prova” che il Presidente del Consiglio ha definito “difficilissima” e dalla quale ne “siamo usciti vincitori“.

Siamo “punto a capo” in quanto a impegno, sembra dire il premier Conte intervistato a margine dell’inaugurazione della linea elettrica Capri-Sorrento di Terna SpA, a Capri. La nuova ondata dovrà essere affrontata con senso di responsabilità, con sensibilità, cercando di cogliere quali siano “i valori in gioco“.

È ora di smetterla – ha detto ancora il Presidente del Consiglio – con le polemiche, con i discorsi astratti e con i dibattiti. È tempo di concretezza che si realizza tutelando la propria salute e quella delle persone più deboli, come gli anziani. Quindi il premier ha fatto drammaticamente notare che “se cresce il numero dei contagiati e il numero persone ricoverate in ospedale e in terapia intensiva andremo di nuovo in difficoltà“. La curva si può arrestare soltanto se la comunità rispetta le regole.

In questi giorni stiamo assistendo alla risalita lenta, ma progressiva, della curva di positivi al coronavirus ha sottolineato il Premier, giustificando così il motivo delle nuove misure restrittive adottate. Non è stato facile decidere in questo senso, ha ammesso, Conte, ma è stata una scelta costretta, pur tenendo conto che è stato effettuato un numero di tamponi record. La situazione attuale ci deve preoccupare e deve convincerci a rispettare le regole.

Per un eventuale lockdown a Natale il premier Conte ha preferito non fare previsioni. Preferisce invece condividere una possibile prevenzione al lockdown, previsione possibile se tutta la comunità nazionale starà alle regole suggerite. Concludendo, Conte ha ricordato che questa “È una partita dove vinciamo tutti, altrimenti perdiamo tutti“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Lockdown a Natale sarebbe il male minore per scuola e attività lavorative, ma non di certo per gli affetti, per la distensione, per la partecipazione ai momenti di preghiera comunitari, per ciò a cui ognuno di noi avrà già cominciato a pensare sul come vivere questo Natale 2020. Se rispettiamo tutti le regole, forse i nostri desideri si potranno realizzare.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!