Iscriviti

Lega: il consigliere comunale Stefano Altinier si dichiara antisemita su Facebook

Il consigliere leghista Stefano Altinier sul suo profilo Facebook si è dichiarato antisemita rispetto all'orientamento religioso, ma lo ha subito cambiato.

Politica
Pubblicato il 3 settembre 2019, alle ore 11:00

Mi piace
5
0
Lega: il consigliere comunale Stefano Altinier si dichiara antisemita su Facebook

Si sono create molte polemiche per via dell’orientamento religioso del consigliere comunale leghista del comune di Gorizia, il cui nome è Stefano Altinier. Il 35enne si è dichiarato antisemita e ha tenuto sui social questo orientamento per dieci anni, come ha lui stesso ammesso.

La situazione ha avuto un cambiamento nella giornata di venerdì 30 agosto, quando il consigliere ha avuto la paura che potesse esplodere un caso e ha deciso di cancellare questo tipo di indicazione. L’orientamento antisemita, però, era stato salvato con facilità attraverso uno screenshot ed è nato in ugual modo un caso che è stato messo in evidenza dalle opposizioni locali.

Il documento fatto dall’opposizione

Questo comportamento dell’operaio Altinier non è passato inosservato all’occhio dell’opposizione che si è alleata per scrivere un documento. Un ruolo importante è stato ricoperto dal Movimento Cinque Stelle e nel documento si sottolinea quanto dichiararsi antisemita per poi fare una frettolosa modifica stia a significare ignoranza del termine orientamento religioso.

Inoltre, l’opposizione ha voluto ricordare che questo termine significa ignoranza del funzionamento dei social, in quanto qualsiasi frase rimane a disposizione in maniera indelebile.

Il documento si conclude dicendo che l’atto di Altinier dimostra un’ignoranza della Legge Mancino incaricata di condannare ogni gesto, oppure azione che ha lo scopo dell’incitazione alla violenza e alla discriminazione.

Il giornale “Il piccolo” si è interessato di questo caso, ma il consigliere Altinier ha provato a dare una spiegazione rispetto a questa situazione, attraverso queste parole. “L’opposizione cerca di screditarmi in maniera becera“.

Inoltre, ha voluto chiarire di non essere antisemita, affermando: “Ho anche partecipato alla festa ebraica Chanukkah e mi affascinano la storia e le tradizioni di quel popolo”. Infine, ha spiegato che si tratta di una definizione risalente a dieci anni prima, quando era adolescente, ma si è voluto scusare per aver urtato la sensibilità di qualcuno.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Gaetano Perrotta

Gaetano Perrotta - Si tratta di un comportamento sbagliato del consigliere Altinier, ma al tempo stesso questa definizione risaliva al periodo in cui era adolescente, come da lui stesso detto. Al tempo stesso ha fatto bene a porgere le dovute scuse nei confronti delle persone in quanto è un termine che dovrebbe essere eliminato e ricorda momenti terribili.

Lascia un tuo commento
Commenti
Fabrizio Ferrara
Fabrizio Ferrara

03 settembre 2019 - 11:14:53

Come direbbe il mitico comico Paolo Caiazzo, in arte Tonino Cardamone: "a cap a cap non è bon"...

0
Rispondi