Iscriviti

La cattiva coscienza dell’occidente che sta a guardare

Mentre l'Afghanistan torna sotto il giogo degli estremisti islamici che l'America pensava di aver sgominato in una guerra durata vent'anni, l'Occidente e l'Europa stanno a guardare

Politica
Pubblicato il 21 agosto 2021, alle ore 11:22

Mi piace
3
0
La cattiva coscienza dell’occidente che sta a guardare

Ci misuriamo, una volta di più, con la nostra impotenza. Da un anno a questa parte è un sentimento che, per altre vicende, abbiamo imparato a conoscere molto bene. L’impotenza genera frustrazione ma, dal momento che bisogna pur sopravvivere e andare avanti, se la causa è qualcosa che non ci tocca troppo da vicino e dolorosamente, prrima o poi subentra la rassegnazione, l’abitudine e, infine, l’indifferenza.

Del resto cosa potremmo fare noi, semplici cittadini di un occidente opulento e distratto, se i talebani, nel volgere di poche settimane e senza quasi incontrare resistenza, hanno riconquistato Kabul e l’intero Afgahnistan e imposto di nuovo la sharia? Come potremmo aiutare quella parte della società civile afghana che cerca disperatamente una via di scampo temendo a ragione rappresaglie e giustizia sommaria? Come possiamo impedire che le donne e le ragazze vengano di nuovo schiavizzate, costrette ad abbandonare il lavoro e la scuola, a rinchiudersi in casa, a nascondersi sotto il burqa?

I nuovi vincitori si sforzano, almeno davanti ai media internazionali, di dare una immagine rassicurante, per quanto possa essere rassicurante confrontarsi con qualcuno col kalashnikov a tracolla e il dito sul grilletto e qualche governo con la coscienza sporca fa finta di crederci, avvallando la teoria che la nuova generazione di integralisti islamici sia migliore di quella di vent’anni fa e sperando sotto sotto che anche con loro, a riflettori spenti, si possa ricominciare a fare affari.

Magari giocando di sponda con la grande Cina che, a differenza della grande America, non sembra per nulla disinteressata alle vicende di una nazione che da decenni non conosce il significato della parola pace, ma che è pur sempre sull’itinerario della via della seta. Per tacere di Erdogan, di Putin e di qualche altro vicino che su questo sfortunato paese qualche pensiero ce l’hanno pure fatto.

Già, ma i diritti civili che rischiano di tornare all’anno zero? E le fragili e traballanti istituzioni e le conquiste democratiche che crolleranno come un castello di carte? Sul grande scacchiere delle geopolitica internazionale questi non sono che aspetti secondari, un prezzo da pagare tutto sommato accettabile. L’importante è sapersi posizionare e scegliere le alleanze giuste in vista del businnes del futuro e della prossima, imminente spartizione del mondo.

E infatti, al di là delle dichiarazioni di circostanza e dell’accoglienza di qualche centinaio di profughi, giusto per decenza e per darla a intendere a una opinione pubblica debole di stomaco e sensibile agli aspetti umanitari, nessun governo farà niente e, almeno per ora, tutti staranno a  guardare litandosi a seguire gli sviluppi della situazione. Deplorando, auspicando, condannando gli eccessi, ma senza calcare troppo la mano.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Lucio Cattaneo

Lucio Cattaneo - Alcune riflessioni sui recenti sviluppi della crisi afghana alla luce dei tragici avvenimenti che hanno avuto ampio risalto sui media di tutto il mondo e che mettono in risalto, una volta di più, la cattiva coscienza di un occidente che ha delegato all'America la lotta al terrorismo islamico. Trasformando l'Afghanistan in un nuovo Vietnam?

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!