Iscriviti

Gianluigi Paragone, intervistato da Radio Cusano Campus, critica Beppe Grillo e Luigi Di Maio

Nel corso dell'intervista a "Radio Cusano Campus", il senatore Gianluigi Paragone ha invitato il Movimento Cinque Stelle a essere chiaro riguardo alla visione politica sull'UE.

Politica
Pubblicato il 26 novembre 2019, alle ore 08:57

Mi piace
2
0
Gianluigi Paragone, intervistato da Radio Cusano Campus, critica Beppe Grillo e Luigi Di Maio

Gianluigi Paragone è stato protagonista di un’intervista a “Radio Cusano Campus”, dove non ha risparmiato le critiche nei confronti del Movimento Cinque Stelle. Il senatore non ha usato mezzi termini facendo delle critiche nei confronti di Beppe Grillo e ha voluto chiedere maggiore chiarezza riguardo alla visione politica sull’UE che, al momento, si presenta alquanto differente da quella che avevano presentato nel corso della campagna elettorale.

Dunque si è rivelato il tentativo di riportare la pace all’interno del Movimento Cinque Stelle, dopo che c’era stato anche per questo motivo l’incontro tra Beppe Grillo e il ministro per gli Affari Esteri Luigi Di Maio.

Le parole del senatore del M5S

Inoltre il voto sulla piattaforma Rousseau si è rivelato determinante per far scendere in campo nelle elezioni regionali in Emilia Romagna il M5S: lo stesso discorso vale per la Calabria. La tensione all’interno del Movimento sembra essere piuttosto preoccupante e uno dei più critici e oppositori è il senatore Gianluigi Paragone che, dall’inizio, si è opposto all’alleanza tra Pd e M5S.

Nel corso della chiacchierata nella trasmissione radiofonica “L’Italia s’è desta”, Paragone ha usato delle pesanti parole contro Luigi Di Maio e Beppe Grillo affermando: “È il video del benaltrismo, del pensare al domani perché non sappiamo fare le cose oggi”. In particolare ha posto l’accento riguardo a un tema molto importante come quello delle case pignorate che perdono di gran lunga il proprio valore e per le quali non si riesce a trovare una soluzione a tutela dei proprietari.

Riguardo a Grillo ha espresso queste parole: “Ormai ha perso la bussola”. Paragone ha espresso parole forti anche per quanto concerne la questione MES: “Io non lo voterei mai, non vado a rovinare la vita degli italiani e non voglio lasciare solo a Salvini la bandiera di una lotta di buon senso”. Ha concluso dicendo quanto sia evidente che le idee di molti esponenti del M5S sono cambiate: “Se sono diventati europeisti me lo devono dire e mi devono sbattere fuori”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Gaetano Perrotta

Gaetano Perrotta - Gianluigi Paragone si è sempre distinto per la propria schiettezza e lo dimostra il fatto che non risparmia delle critiche nei confronti degli esponenti del Movimento Cinque Stelle con i quali ha condiviso delle battaglie importanti. Sicuramente le sue parole fanno capire che è evidente il suo dissenso rispetto alle idee presenti al momento all'interno del M5S.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!