Iscriviti

Fake news contro Il Movimento 5 Stelle, nessuna richiesta in Puglia per reddito di cittadinanza

Il Movimento cinque stelle mostra come le notizie sul "boom" di richieste per il reddito di cittadinanza, con tanto d code nei Caf in Puglia per il reddito di cittadinanza sia assolutamente una bufala.

Politica
Pubblicato il 9 marzo 2018, alle ore 18:51

Mi piace
7
0
Fake news contro Il Movimento 5 Stelle, nessuna richiesta in Puglia per reddito di cittadinanza

Da ieri mattina circolava voce con tanto di notizie sui giornali, che i Caf della Puglia siano stati presi d’assalto per chiedere il famoso reddito di cittadinanza. I cittadino avrebbero detto afgli impiegati: “Ha vinto il M5s, adesso dateci i moduli per avere il reddito“.

A lanciare la notizia è stato il sindaco di Giovinazzo (BA), appoggiato a detta del M5S in campagna elettorale dal PD. Il sindaco avrebbe commentato un articolo locale, scrivendo di file davanti ai Caf delle città. La notizia è stata poi ripresa da diversi giornali e poi amplificate. Tommaso Depalma, primo cittadino avrebbe detto che a tutti i sindaci piacerebbe risolvere il problema della disoccupazione in Italia, e che: “ per chi non ha lavoro, ci fosse un reddito di cittadinanza, ma credo che i cittadini siano stati ammaliati da spot elettorali. Già da lunedì dietro la porta dell’assessore ai Servizi Sociali c’erano persone in fila per chiedere spiegazioni sul reddito di cittadinanza promesso dal M5s. La vittoria c’è stata, netta e inconfutabile, ma per il reddito di cittadinanza la vedo dura“. Insomma una vera e propria critica al Movimento e al loro programma elettorale.

Qualcosa però non guadra, non ci sono foto e testimonianze di code a Bari e provincia, nè in altri comuni del Sud. La notizia continua a circolare in tv, diventando sede di dibattiti politici, critiche di chi ha votato il partito, così il Movimento Cinque Stelle non ci sta e va ad indagare direttamente sul luogo, e poi pubblica un lungo articolo sul suo blog.

Dopo l’interessamento del Movimento che corre a verificare di persona, racconta Sebastiano Tagliaferro: ““Abbiamo controllato e dopo aver girato alcuni Caf senza scorgere neanche lontani tentativi di assalti, abbiamo deciso di recarci direttamente a Porta futuro.ll’ingresso alcuni addetti ci hanno spiegato che in realtà loro non avevano visto quasi nessuno, che la notizia sentita in tv li ha lasciati di stucco“. Allora si recano dal direttore Franco Lacarra, che si è visto costretto a ridimensionare la presunta fila agli sportelli. Così gli attivisti chiedono una smentita su Facebook dal centro impiego.

Successivamente anche il sindaco di Giovinazzo ha ridimensionato i fatti, parlando al telefono con l’Andnkronos, dichiarando: “Sono venute 4 o 5 persone, tutto qui, ma è normale, vengono sempre”. La notizia ha subito quindi una rapida smentita, diventando una vera e propria fake-news. Su facebook, i grillini invitano a dare poca considerazione a queste false notizie, che ledono l’intelligenza dei cittadini italiani,e  poi concludono: “Vorrà dire che alle prossime consultazioni elettorali – concludono – il Movimento 5 Stelle volerà, da solo, oltre il 41%”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Serena Spaventa

Serena Spaventa - Indipendentemente dal voto dato dai cittadini e a chi. Trovo assurdo che girino false notizie per mettere in discussioni i partiti, facendo passare i cittadini, in particolare quelli del Sud, come ignoranti e che quindi votino i Cinque Stelle solo per avere il reddito, senza magari avere un'illuminazione del cosa hanno sbagliato nei loro partiti per non essere votati.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!