Iscriviti

Covid-19, in Italia il Governo pensa a restrizioni per i no-vax soltanto dalla zona arancione

In arrivo forse entro oggi un nuovo decreto del Governo per quanto concerne la situazione epidemiologica Covid. Si pensa a cambiare alcune regole sull'utilizzo del Green Pass e di introdurre restrizioni soltanto peri i no-vax in determinate fasce di rischio.

Politica
Pubblicato il 17 novembre 2021, alle ore 14:34

Mi piace
0
0
Covid-19, in Italia il Governo pensa a restrizioni per i no-vax soltanto dalla zona arancione

In queste ore alcune regioni italiane hanno chiesto di poter introdurre delle restrizioni per i non vaccinati. Dobbiamo precisare, come già ricordato in un altro articolo apparso su questa testata, che l’Esecutivo presieduto da Mario Draghi ha categoricamente smentito che siano introdotte presto delle restrizioni alle libertà personali per i no-vax sul modello dell’Austria. La situazione epidemiologica attuale non lo consentirebbe, inoltre in Italia il tasso di vaccinati è alto.

Ma le cose potrebbero comunque cambiare leggermente con il nuovo decreto che il Governo si prepara a varare in queste ore, il cui testo dovrebbe essere pronto entro oggi. Tra le novità che potrebbero esserci, ci potrebbe essere proprio il punto che riguarda i non vaccinati. A partire dalla zona arancione (inclusa anche quella rossa), infatti, questi ultimi non potranno probabilmente partecipare ad alcune attività, come ad esempio recarsi in bar e ristoranti o negli alberghi. La Camera ha confermato intanto la fiducia al Governo sul decreto legge Green Pass, con 453 voti a favore e solo 42 contrari.

Costa: “Maggioranza degli italiani responsabile”

Sulla questione è intervenuto anche il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, il quale ha dichiarato che comunque la maggioranza degli italiani è stata responsabile e ha aderito alla campagna vaccinale, per cui queste persone non possono subire all’infinito restrizioni soltanto perchè una minoranza di individui ha scelto di non vaccinarsi. 

Come già detto eventuali restrizioni per i non immunizzati scatteranno soltanto a partire dalla zona arancione. Venerdì prossimo arriverà comunque il nuovo monitoraggio da parte dell’Istituto Superiore di Sanità, il quale dovrebbe certificare ancora una volta l’aumento dei nuovi casi Covid questa settimana. 

Preoccupano alcune regioni, come il Friuli-Venezia Giulia, dove il tasso di incidenza è molto alto e cresce sempre di più la pressione sui reparti ospedalieri, sia in quelli ordinari che di terapia intensiva. Sono 20 le regioni considerate a rischio moderato. Con il nuovo decreto potrebbe cambiare cambiare la durata del Green Pass, che passerebbe da dodici a nove mesi, se non addirittura sei.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - Queste notizie ci fanno capire come il Governo stia pensando di introdurre delle misure che non vadano più a penalizzare tutto il tessuto sociale ed economico, ma soltanto una stretta cerchia di persone, ovvero chi non è vaccinato contro il Covid-19. Se si introducessero delle restrizioni per i no-vax, comunque, la tensione sociale potrebbe crescere ancora di più con conseguenze difficilmente prevedibili.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!