Iscriviti

Covid-19, Governo italiano proroga lo stato di emergenza al 31 marzo 2002

Il Governo entro oggi dovrà adottare un decreto legge ad hoc, in quanto la misura non è più possibile rinnovarla automaticamente dopo il 31 gennaio. A pesare sulla decisione la risalita dei contagi e la diffusione della variante Omicron.

Politica
Pubblicato il 14 dicembre 2021, alle ore 09:25

Mi piace
0
0
Covid-19, Governo italiano proroga lo stato di emergenza al 31 marzo 2002

Non si torna alla normalità. Il Governo italiano è intenzionato a proseguire sulla strada del rigore per quanto riguarda la lotta alla pandemia Covid-19, che ormai mostra numeri in risalita in tutta Europa. A spaventare è anche l’arrivo della variante Omicron, che sempre più velocemente si sta diffondendo nel Vecchio Continente. Lo stato di emergenza non è più possibile rinnovarlo automaticamente dal prossimo 31 gennaio 2022, quando appunto scadranno i due anni, tempo limite della durata dello stato emergenziale. Dopo di ciò per una proroga serve un passaggio in Parlamento. 

La misura comunque troverebbe  la maggior parte dell’Esecutivo d’accordo, in primis il ministro della Salute, Roberto Speranza, da sempre un sostenitore del rigore nella lotta alla pandemia. La prima dichiarazione di stato di emergenza per la pandemia venne fatta dall’ex Premier Giuseppe Conte il 31 gennaio del 2020. In quel caso il provvedimento durava 12 mesi, il quale poi poteva essere rinnovato per la durata di altri 12 mesi. Tramite appositi dpcm ciò è stato possibile, almeno fino ad ora. 

Una emergenza non finita

Purtroppo i numeri non fanno stare tranquilli, e il nostro Paese, essendo stato uno dei primi ad essere colpito dalla pandemia, vuole proseguire sulla linea della massima prudenza. Per un altro trimestre quindi rimarranno le regole attuali, con l’Italia che dovrebbe adottare ancora il sistema dei colori per dividere le varie fasce di rischio e prevedere restrizioni più severe solo lì dove è necessario. 

Lo stato di emergenza, in sostanza, consentirà ancora al Governo di intervenire con regole ad hoc per contrastare la pandemia, questo sempre nel rispetto della Costituzione. Secondo quanto si apprende il provvedimento dovrebbe prevedere di spostare la struttura commissariale sotto la Protezione civile.

Sarà così affidato al Generale Figliuolo un ruolo, il quale a breve dovrebbe passare a capo del Comando operativo interforze. Dall’inizio della pandemia sono state effettuate 87 ordinanze e grazie ai provvedimenti di emergenza è stato possibile istituire il Comitato Tecnico Scientifico, organo che consiglia il Governo sulle misure da adottare per contrastare la pandemia.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - Questo provvedimento ci fa capire come la pandemia non sia affatto finita e per questo c'è bisogno ancora di mantenere strette regole per contrastare la diffusione del virus. Stato di emergenza non vuol dire andare in lockdown come pensano i complottisti, o restrigere le libertà personali, ma aver pronto uno strumento che consenta di intervenire se necessario, visto l'aumento dei contagi.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!