Iscriviti

Cosa ci aspetta con il prossimo DPCM dal 6 gennaio fino 15 gennaio

Proprio oggi Conte si è riunito per stabilire le nuove restrizioni che resteranno in vigore fino al 15 gennaio con l’intento di arrestare le seconda ondata che è ancora molto attiva, e cercare di evitare l'arrivo della terza ondata.

Politica
Pubblicato il 3 gennaio 2021, alle ore 19:07

Mi piace
14
8
Cosa ci aspetta con il prossimo DPCM dal 6 gennaio fino 15 gennaio

Proprio oggi il Premier Conte ha riunito un tavolo di lavoro tra i vertici di governo ed i membri del CTS (Comitato Tecnico Scientifico del Ministero della Salute) per cercare di stabilire quali sono le manovre da mettere in atto nell’arco di tempo che va dal 6 gennaio al 15 di gennaio 2021, data in cui verrà emesso il nuovo dpcm in sostituzione di quello precedente che scade il 15.

Dalle prime indiscrezioni che emergono dopo l’incontro tra il governo ed il CTS sembra proprio che in questo periodo sarà assolutamente vietato lo spostamento tra regioni e che durente i weekend tutta l’Italia sarà dichiarata zona arancione.

Nel periodo che va fino al 15 di gennaio nella casa di uno degli italiani sarà possibile ospitare al massimo 2 persone, per quanto riguarda la scuola l’intento del Premier Conte è permettere l’ingresso a scuola per il 50% degli alunni a partire dal 7 di gennaio.

Nel weekend del 9 e 10 gennaio in tutta l’Italia saranno in vigore le misure previste per la zona arancione. Nell’intervallo di tempo che va dal 7 gennaio al 15 gennaio, che è la data di scadenza dell’ultimo dpcm emesso, il Governo ha deciso di permette lo spostamento tra regioni soltanto per ragioni di necessità come salute e lavoro. Queste sono le ipotesi che sono emerse durante il tavolo di lavoro tra i vertici di Governo ed i membri del CTS.

Giuseppe Conte sta premendo affinché si possa far tornare gli alunni a scuola a partire dal 7 gennaio garantendo una didattica in presenza per il 50% degli alunni ed una didattica a distanza al restante 50% . Ma questa proposta del Premier non trova l’appoggio del CTS. Il Comitato Tecnico Scentifico reputa questa richiesta troppo pericolosa considerando che la seconda fase è tuttora in corso e che si rischia l’arrivo di una terza fase subito dopo la conclusione della seconda.

Secondo il CTS la proposta non è fattibile perchè sono molte le problematiche relative alla didattica in presenza come l’ingresso scaglionato e l’utilizzo dei mezzi pubblici che rischierebbero di creare ulteriori focolai.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Daniela Marella

Daniela Marella - Dopo il periodo di Natale in cui bene o male sapevamo che cosa potevamo o non potevamo fare nei giorni successivi ci ritroviamo di nuovo in una fase in cui tutti i giorni dobbiamo guardare il telegiornale cercando di capire quello che potremmo o non potremmo fare il giorno successivo. Già durante il periodo natalizio ci trovavamo a rileggere in continuazione le tabelle che ci spiegavano cosa potevamo fare nella giornata, ora iniziamo con l'altalena di non poter programmare nulla perché non si sa quello che accadrà domani. Se devo dirla tutta io sono tra coloro che dicono: "decidi quello che devi decidere! Ma almeno decidilo per un lasso di tempo stabilito così che uno non diventi scemo!".

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!