Vladimir Luxuria nella bufera: “Ha insegnato ai bambini a diventare trans” (2 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 21 gennaio 2019, alle ore 16:05

Vladimir Luxuria nella bufera: “Ha insegnato ai bambini a diventare trans”

Così un giorno ha deciso di confessare ai suoi genitori e alla classe che non si sentiva bene in quel corpo, e alla domanda di una bambina che le ha chiesto quando è stata la prima volta che il suo corpo non le piaceva, ha detto: “Quando mi guardavo allo specchio e aspettavo che mi spuntassero i seni, e invece mi spuntavano i baffi. Una tragedia. Quella peluria non mi piaceva, me la toglievo con le pinzette. Ho capito che non si diventa così, si nasce così. Mi piacevano i maschi.

Vladimir Luxuria nella bufera: “Ha insegnato ai bambini a diventare trans”

Le sue dichiarazioni hanno scatenato un sacco di polemiche, in molti l’hanno accusata di aver istruito i bambini su come si diventi transessuale. Il capogruppo della Lega di Vigilanza Rai Paolo Tiramani si è scagliato contro di lei dicendo che “queste ‘lezioni’ sono inaccettabili. Soprattutto se avvengono nel corso di una trasmissione televisiva andata in onda su Rai 3, dove erano protagonsisti giovani alunni che ascoltavano lezioni da una “mancata soubrette” la cui vita personale dovrebbe restare tale.” 

Vladimir Luxuria nella bufera: “Ha insegnato ai bambini a diventare trans”

Non è tardata ad arrivare la replica dell’ex parlamentare che, dopo aver ricevuto una marea di critiche, ha voluto precisare: “Non ho fatto alcuna lezione su come si diventa trans perché anzi ho cercato di spiegare che si nasce gay o trans. Ho parlato soprattuto di bullismo. Ma queste polemiche dimostrano che i bambini sono molto più avanti di certi adulti.Vladimir Luxuria ha anche spiegato che i commenti negativi che ha ricevuto istigano all’omofobia: “Gay o trans si nasce ma omofobi si diventa per le paure che vengono provocate con certi commenti. Quei commenti da cui trapela che, in fondo, se sei gay o trans ti meriti una vita infelice e magari pure gli insulti o le botte.”