Iscriviti

Vicenza: si schianta vicino ad una scuola, il tasso alcolico è da record

Un incidente causato da un geometra vicentino in evidente stato di ebbrezza nei pressi di una scuola media: stabilito un record. Ecco nel dettaglio come sono andati i fatti.

Notizie Curiose
Pubblicato il 1 luglio 2020, alle ore 12:17

Mi piace
0
0
Vicenza: si schianta vicino ad una scuola, il tasso alcolico è da record

Poteva trasformarsi in una vera tragedia il tamponamento avvenuto nei pressi di una scuola media di Arzignano. Il protagonista è un 39enne di Chiampo, località in provincia di Vicenza, che con un tasso alcolico 10 volte superiore alla norma ha causato l’incidente. L’uomo era talmente alterato da non riuscire nemmeno ad uscire dal mezzo con le proprie gambe.

Per fortuna, il geometra vicentino non viaggiava a velocità sostenuta, anzi procedeva con la prima marcia inserita non riuscendo ad ingranare la seconda, questo è stato provvidenziale e ha ridotto i danni al minimo. Il comandante della polizia del luogo, Antonio Berto, ha commentato esterrefatto l’accaduto: “Non ho mai visto una cosa simile. Solo una decina d’anni fa avevamo fermato una persona con un tasso davvero alto: aveva perso una ruota e non se n’era accorto. Ma erano 4 grammi per litro. Sono comportamenti da irresponsabili, l’incidente di mercoledì è avvenuto di fronte alle scuole“.

Tasso di alcol da record, geometra causa un incidente

Il 39enne ora dovrà fare i conti con le conseguenze del suo sconsiderato comportamento, infatti gli sarà confiscata l’auto e sospesa la patente per 2 anni. Non solo, l’automobilista si è anche portato a casa una denuncia per guida in stato di ebbrezza. Dopo le analisi del caso, è stato appurato che il suo sangue conteneva 5,12 grammi di alcol per litro. Questo risultato ha lasciato la polizia locale senza parole e increduli davanti ad un valore 10 volte superiore al limite consentito dalla legge – 0,5 grammi per litro -, confermato peraltro da due successive prove.

L’incidente è avvenuto poco dopo le 17 e la vittima del tamponamento è un 43enne di Nogarole che viaggiava a bordo di una Audi A6. Ha raccontato di essersi trovato davanti una Fiat Punto che sbandava e che ad un certo punto ha accostato sulla destra, dopo poco, però, se l’è ritrovata dietro: “A un tratto ho sentito provenire da dietro un rumore fortissimo, come di qualcuno che procede in prima al massimo dei giri, mi sono aggrappato al cruscotto, vedendo la Punto che mi veniva addosso“. Il tamponamento è stato notevole, ma per fortuna non ha avuto tragiche conseguenze.

Sceso dalla macchina, il 43enne si è subito reso conto delle condizione dell’altro conducente che non riusciva nemmeno a parlare. Arrivata sul posto la polizia lo ha portato di peso fuori dalla macchina, affidandolo agli anziani genitori che hanno ammesso i recenti problemi del figlio, ma il comandante della polizia Berto ha sentenziato: “Nulla può giustificare l’ingerire alcolici in grande quantità per poi mettersi al volante“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Cristina Giuli

Cristina Giuli - Mettersi alla guida dopo aver bevuto così tanto è davvero da irresponsabili. Poteva causa tragedie su tragedie: investire pedoni, animali e procurare danni seri o causare la morte di qualcuno. Io penso che debba essere usata una severità esemplare per questo tipo di reato che mette in pericolo gli altri.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!