Una nuova ricerca fa un po’ di luce sulla materia oscura, forse non ne sappiamo poi così tanto (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 6 marzo 2018, alle ore 12:07

Una nuova ricerca fa un po’ di luce sulla materia oscura, forse non ne sappiamo poi così tanto

Una nuova soluzione matematica ha messo in discussione una teoria di vecchia data sulla natura della relatività generale: la forte congettura di censura cosmica. Perplesso? Così ero io.

La teoria dice che la relatività è una teoria deterministica, cioè il destino di tutti gli osservatori dovrebbe essere prevedibile dai dati iniziali, oppure, è possibile predire l’evoluzione dell’universo conoscendo la sua condizione in un determinato momento nel tempo. Ancora perplesso? Anche me.

In breve, il nuovo studio pubblicato su Physical Review Letters si concentra su ciò che accade agli oggetti quando colpiscono l’orizzonte degli eventi:

Una nuova ricerca fa un po’ di luce sulla materia oscura, forse non ne sappiamo poi così tanto

la superficie di un buco nero dal quale nulla è in grado di sfuggire.

È fondamentalmente un punto di non ritorno.

Lo studio di Peter Hinz, un collega presso l’Clay Mathematics Institute, e altri ricercatori, ha rilevato che l’ipotesi non era valida all’interno di quello che viene chiamato l’orizzonte di Cauchy, un secondo orizzonte di eventi.

Hanno scoperto che era possibile attraversare l’orizzonte di Cauchy e entrare in un mondo in cui il passato non influenza più il presente o il futuro.

Una nuova ricerca fa un po’ di luce sulla materia oscura, forse non ne sappiamo poi così tanto

Teoricamente, se qualcuno dovesse uscire da uno di questi buchi neri – un compito difficile – sarebbe in grado di sopravvivere, ma il loro passato sarebbe cancellato e si aprirà un numero infinito di futuri potenziali.

Un principio proposto da Roger Penrose 40 anni fa ha da tempo affermato che le leggi fisiche dell’universo non consentono più di un possibile futuro.

Tuttavia, i calcoli matematici di Hintz mostrano che in un universo in espansione (come il nostro), potrebbe essere possibile sopravvivere passando da un mondo deterministico a un mondo non deterministico.