Posta foto del figlio con in mano il contraccettivo che avrebbe dovuto impedirne il concepimento (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 4 maggio 2019, alle ore 19:02

Posta foto del figlio con in mano il contraccettivo che avrebbe dovuto impedirne il concepimento

I metodi contraccettivi non sempre funzionano. Sulle etichette di alcuni c’è scritto che l’efficacia è del 99%. Come ad esempio le spirali. Un caso di nascita in un certo senso non voluta ha fatto discutere gli Stati Uniti negli ultimi giorni. I protagonisti sono il piccolo Dexter e sua madre Lucy Hellein, già madre di due figli prima dell’arrivo del terzogenito pochi giorni fa.

Posta foto del figlio con in mano il contraccettivo che avrebbe dovuto impedirne il concepimento

La donna e suo marito avevano deciso che due figli bastavano. Per questo motivo Lucy aveva acquistato una Mirena, il dispositivo a spirale che in teoria evita gravidanze indesiderate. Sul sito c’è scritto che è efficace al 99%. Uno studio ha dimostrato che una donna ogni 1000 rimane incinta nonostante l’utilizzo del dispositivo in questione. Lucy è diventata quindi una statistica.

Posta foto del figlio con in mano il contraccettivo che avrebbe dovuto impedirne il concepimento

La donna ha raccontato di aver capito di essere incinta quando il futuro Dexter era nella sua pancia già da 18 settimane. E anche di essersi spaventata perché il dispositivo contraccettivo non si vedeva nelle immagini della risonanza. Ad ogni modo, nonostante non rientrasse nei piani di vita suoi e del suo partner, la donna residente nello stato dell’Alabama ha deciso di non abortire e tenere il bambino.

CONTINUA NELLA PAGINA SUCCESSIVA