Un nuovo studio dice che stare in piedi per 6 ore può aiutare a perdere quei chili in più (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 12 febbraio 2018, alle ore 15:29

Un nuovo studio dice che stare in piedi per 6 ore può aiutare a perdere quei chili in più

Potresti voler leggere questo articolo in piedi. Una nuova ricerca ha scoperto che stare in piedi invece di stare seduti per sei ore al giorno, potrebbe impedire l’aumento di peso e aiutare le persone a perdere quei chili in più.

Ogni minuto trascorso in piedi fa perdere 0,15 kcal in più rispetto allo star seduti, che equivalgono a una perdita di 2,5 chilogrammi di peso ogni anno. Stare in piedi, inoltre, diminuisce il rischio di alcune patologie legate alla sedentarietà.

Lo studio ha esaminato se stando in piedi si bruciano più calorie rispetto a quandi siamo seduti.

Un nuovo studio dice che stare in piedi per 6 ore può aiutare a perdere quei chili in più

I ricercatori hanno analizzato i risultati di un totale di 46 studi con 1.184 partecipanti in tutto.

I partecipanti, in media, avevano 33 anni, il 60% erano uomini e l’indice di massa corporea e il peso medio erano rispettivamente di 24 kg / m2 e di 65 kg.

Il giovane professore Francisco Lopez-Jimenez, ha dichiarato: “Stare in piedi non solo brucia più calorie, l’ulteriore attività muscolare è legata a tassi più bassi di infarti, ictus e diabete, quindi i benefici della posizione in piedi potrebbero andare oltre il controllo del peso”.

Un nuovo studio dice che stare in piedi per 6 ore può aiutare a perdere quei chili in più

I partecipanti erano fermi, mentre in realtà le persone fanno piccoli movimenti stando in piedi. Il divario nel dispendio energetico tra la posizione eretta e quella seduta potrebbe essere persino maggiore di quello rilevato.

“I nostri risultati potrebbero essere sottostimati, perché quando le persone stanno in piedi tendono a fare movimenti spontanei come spostando il peso o oscillando da un piede all’altro, facendo piccoli passi avanti e indietro. Le persone potrebbero anche essere più propense a raggiungere lo schedario o il cestino, “ha affermato la professoressa Lopez-Jimenez.