Sigarette elettroniche, scoperta la sostanza che fa ammalare: si tratta di un derivato della vitamina E (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 6 settembre 2019, alle ore 11:08

Sigarette elettroniche, scoperta la sostanza che fa ammalare: si tratta di un derivato della vitamina E

Dopo un’attenta ricerca, è stata individuata la sostanza che fa ammalare: si tratta di un olio derivato dalla vitamina E.

È un derivato della vitamina E che fa ammalare le persone che usano le sigarette elettroniche: si chiama vitamina E acetato. Il Michigan è il primo Stato Usa che ha vietato la vendita delle sigarette elettroniche. Il governatore Gretchen Whitmer, ha dichiarato: “Il vaping è diventato un’emergenza sanitaria”.

Negli Stati Uniti, 153 persone sono state ricoverate per patologie polmonari legate alle e-cig.

Sigarette elettroniche, scoperta la sostanza che fa ammalare: si tratta di un derivato della vitamina E

Per il governatore si tratta di un provvedimento davvero indispensabile che permetterà ai giovani di proteggersi dal cosiddetto vaping.

Le autorità statali e federali americane continuano ad indagare sulle ‘strane’ malattie polmonari che sono legate alle sigarette elettroniche ed hanno scoperto che all’interno vi è una sostanza chimica che si trova anche nei campioni di marijuana usati dalle persone che si sono ammalate in diverse parti del paese, che hanno usato diversi marchi di prodotti nelle ultime settimane.

Sigarette elettroniche, scoperta la sostanza che fa ammalare: si tratta di un derivato della vitamina E

Questa sostanza chimica è un olio derivato dalla vitamina E, il cosiddetto vitamina E acetato. A rivelarlo è il Washington Post.

L’indagine è scattata dopo le prime morti riconducibili all’uso della sigaretta elettronica e ai primi malati.

La vitamina E si trova in alcuni alimenti come l’olio di colza, l’olio d’oliva e le mandorle. Questo olio è disponibile come integratore nutrizionale e viene utilizzato nei trattamenti topici della pelle.

Non è chiaro ancora se questa sostanza è dannosa quando viene ingerita come integratore o quando viene applicata sulla pelle.