Rissa censurata al Grande Fratello, la confessione shock: “mi ha messo le mani sulla…” (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 29 aprile 2018, alle ore 17:43

Rissa censurata al Grande Fratello, la confessione shock: “mi ha messo le mani sulla…”

Aida continua ad essere “torturata” dagli altri concorrenti della casa e Alberto ha confessato che Luigi Favoloso gli avrebbe  messo le mani addosso. L’edizione del Grande Fratello Nip non è iniziata nel migliore dei modi, fin dalla prima settimana ci sono stati scontri e litigi e pare che l’entrata della nuova concorrente Aida Nizar nel reality non sia piaciuta ai concorrenti.

È durata davvero poco la tregua del gruppo nei confronti della concorrente spagnola Aida Nizar. La 42 enne spagnola fin da subito non è piaciuta ai concorrenti e ieri mentre dormiva con l’unica persona che parla con lei,

Rissa censurata al Grande Fratello, la confessione shock: “mi ha messo le mani sulla…”

ovvero Alberto Mezzetti, gli altri si sono riuniti in giardino ed hanno ricominciato a criticarla pesantemente e addirittura a cercare un piano per umiliarla ma non sono a conoscenza che il pubblico che li guarda è a favore della concorrente bullizzata. Luigi Favoloso pare abbia pensato di posizionare un secchio d’acqua sulla porta per far in modo che l’acqua si rovesciasse sulla testa di Aida, Angelo Sanzio l’ha derisa per il suo modo di nuotare. Le donne continuano a deriderla e a criticarla. Si auspica che verranno presi seri provvedimenti, quindi non ci resta che aspettare la prossima puntata del Grande Fratello.

Rissa censurata al Grande Fratello, la confessione shock: “mi ha messo le mani sulla…”

Ma non finisce qui, ieri sera Alberto Mezzetti, il Tarzan di Viterbo, parlando con Aida ha confessato di essere stato picchiato da Luigi Favoloso durante la prima settimana del reality, queste le sue parole: “Mi hanno dato schiaffi, calci” e Aida: “Ma ti hanno picchiato? Davanti a me mai”, “Sì, la prima sera sì, quando andavo a dormire, Luigi mi ha messo la mano sulla bocca”, “Ma al GF non può succedere” e Alberto: “Io ho detto che era tutto a posto”. Era difficile raggiungere una tale concentrazione di “disumani e meschini malati di celebrità”.