Riccardo Scamarcio sostiene Salvini: “Matteo non è razzista, mi piace questo governo nazionalista” (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 22 giugno 2018, alle ore 17:48

Riccardo Scamarcio sostiene Salvini: “Matteo non è razzista, mi piace questo governo nazionalista”

Riccardo Scamarcio sostiene il nuovo governo Lega-M5S: “Salvini non è razzista”.

Riccardo Scamarcio è tra gli attori più popolari di sempre, ultimamente reciterà nell’ultimo film di Paolo Sorrentino e per questo motivo è stato intervistato a “Un Giorno da Pecora”, su Rai Radio 1. L’attore ha espresso il suo giudizio sull’operato del nuovo governo Lega – Movimento 5 Stelle.

Da quella volta che cacciò il preside da un’assemblea scolastica a quando si presentò a sorpresa nella sede del Pd, fino all’apertura al governo Salvini-Di Maio, Riccardo Scamarcio si è sempre

Riccardo Scamarcio sostiene Salvini: “Matteo non è razzista, mi piace questo governo nazionalista”

espressi sulla politica italiana ed oggi ha espresso il suo forte apprezzamento nei confronti del nuovo governo di Matteo Salvini e Luigi Di Maio. Durante un’intervista radiofonica ha fatto commenti schietti e diretti anche contro chi ha criticato il nuovo governo sulle recenti questioni dell’immigrazione e della nave Aquarius dell’Ong Sos Meditarranèe.

L’attore 38enne, ha voluto specificare il suo parere su questo nuovo governo di destra affermando di essere a favore. Queste le sue parole: “Ho votato per chi è

Riccardo Scamarcio sostiene Salvini: “Matteo non è razzista, mi piace questo governo nazionalista”

al governo. Non sono assolutamente d’accordo con chi semplifica dicendo che Salvini sia razzista”, poi spende alcune parole sulla questione dell’accoglienza della nave Aquarius “Non è che non l’abbiamo accolta, sono stati protetti e garantiti. Abbiamo sollevato un problema anche verso altri stati europei”. Riccardo Scamarcio dice la sua anche sulla chiusura dei porti ed afferma che “Non bisogna dire cose che non sono corrette. C’è stata una presa di posizione dell’Italia che ha prodotto due incontri bilaterali con Francia e Germania. Non