Porta a spasso il cane e non raccoglie le feci, anziano le prende e gliele spalma in faccia, denunciato (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 20 febbraio 2020, alle ore 15:46

Porta a spasso il cane e non raccoglie le feci, anziano le prende e gliele spalma in faccia, denunciato

In una società civile è consuetudine osservare padroni di cani che portano il proprio fido a passeggio, per strada, nel parco, lungo i sentieri inalberati; ed è altrettanta consuetudine e buona norma, raccogliere eventuali bisogni del proprio cane, onde evitare spiacevoli imprevisti da parte di qualche malcapitato che camminando non presta adeguata attenzione ad eventuali escrementi lungo la strada. Tali norme sono anche ben regolamentate, con tanto di sanzione per i trasgressori che lasciano incuranti gli escrementi del proprio animale domestico.

Porta a spasso il cane e non raccoglie le feci, anziano le prende e gliele spalma in faccia, denunciato

C’è chi però, nonostante l’esistenza di norme, non segue il regolamento, in barba al buon vivere civile, e c’è chi invece preferisce farsi giustizia a modo proprio. Ed è quello che è successo di recente a Vicenza, dove un uomo di 70 anni ha letteralmente deciso di farsi giustizia privata. Secondo alcune testimonianze infatti pare che nel quartiere Sant’Andrea, un ragazzino di appena 13 anni, stesse portando a spasso il proprio animale, quando ad un attratto il cane ha espletato qualche bisogno fisiologico.

Porta a spasso il cane e non raccoglie le feci, anziano le prende e gliele spalma in faccia, denunciato

Il ragazzino, incurante del fatto, ha preferito lasciare gli escrementi del proprio cane a terra, e continuare la sua passeggiata in totale spensieratezza. Non è rimasto invece indifferente a un anziano di 70 anni, che osservando la scena, raccoglie letteralmente a mani nude le feci del cane, e raggiunge il ragazzino. Dopo avergli esposto il suo atto di inciviltà a non raccogliere gli escrementi del proprio animale, e passato in poco tempo dalle parole ai fatti, spalmando le feci raccolte sul viso del ragazzino.