Padova, pagano per vedere l’eclissi, ma la Luna è coperta. L’evento sui Colli Euganei finisce in rissa (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 30 luglio 2018, alle ore 10:10

Padova, pagano per vedere l’eclissi, ma la Luna è coperta. L’evento sui Colli Euganei finisce in rissa

Era un evento atteso da mesi, sia dagli appassionati di astrologia che da semplici curiosi. Stiamo parlando dell’eclissi di Luna di venerdì sera. In tutto il Mondo milioni e milioni di persone hanno preso posto sul balcone di casa o in punti panoramici dove c’era una chiara visuale del cielo per ammirare l’eclissi e la Luna rossa. Appunto, ‘chiara visuale’. A quanto pare, in un evento organizzato in Italia la visuale era tutt’altro che chiara e i paganti, con le loro proteste, hanno trasformato quello che in tutto il Mondo è stato un evento pacifico in una serata di caos.

Padova, pagano per vedere l’eclissi, ma la Luna è coperta. L’evento sui Colli Euganei finisce in rissa

Stiamo parlando di Monselice, centro sui Colli Euganei. La location precisa dell’evento è il Parco delle Cave. Le persone presenti all’interno del parco non hanno potuto godersi l’eclissi lunare… per colpa della montagna, che copriva il satellite. Su Facebook, sabato mattina, è stato creato un gruppo in cui tutti i presenti ‘delusi’ hanno chiesto a gran voce il rimborso e hanno postato varie foto della serata senza Luna.

Padova, pagano per vedere l’eclissi, ma la Luna è coperta. L’evento sui Colli Euganei finisce in rissa

I più aggressivi, a quanto pare, avrebbero aggredito il personale del Parco che quella sera lavorava alla cassa, per pretendere con la forza un rimborso. L’Associazione Culturale il Coccodrillo di Padova ha scritto una nota: “I presunti rimborsi di cui abbiamo letto su Facebook, in realtà, sono state estorsioni che il nostro staff ha subito. Qualche agitatore ha aizzato i presenti affinché prendessero d’assalto la cassa. Qualcuno ha iniziato a mettere le mani dov’erano depositati i soldi. Alla fine, il personale addetto alla cassa si è trovato costretto a consegnare il denaro per salvaguardare la propria incolumità fisica”.