“Odio il telefono di mia madre e vorrei che non ne avesse mai avuto uno”: il tema del bambino diventa virale (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 5 dicembre 2018, alle ore 00:57

“Odio il telefono di mia madre e vorrei che non ne avesse mai avuto uno”: il tema del bambino diventa virale

Le parole di un bambino di seconda elementare scritte in un compito sono diventate virali, le sue parole portano alla luce una grande verità: i genitori tolgono tempo ai propri figli per stare sullo smartphone.

Una maestra di seconda elementare ha assegnato un tema alla classe su un’invenzione che vorrebbero mai fosse inventata. La risposta di un bambino fa riflettere. Una maestra di seconda elementare, Jen Beason, ha chiesto ai suoi studenti di scrivere un tema su un’invenzione che desideravano non fosse mai stata inventata.

“Odio il telefono di mia madre e vorrei che non ne avesse mai avuto uno”: il tema del bambino diventa virale

Quattro studenti della maestra Beason hanno scritto che desideravano che i telefoni dei loro genitori non fossero mai stati inventati. Perché? Perché i loro genitori passano più tempo a guardare i loro telefoni che a parlare con i loro figli. Beason ha pubblicato le risposte dei suoi studenti su un post di Facebook, “Non mi piace il telefono perché i miei genitori sono al telefono tutti i giorni … Odio il telefono di mia madre e vorrei che non ne avesse mai avuto uno“, ha detto uno studente nella foto pubblicata da Beason su Facebook.

“Odio il telefono di mia madre e vorrei che non ne avesse mai avuto uno”: il tema del bambino diventa virale

Il post della maestra Beason è diventato virale in poco tempo ed è stato condiviso da più di 260mila utenti su Facebook. 

Molti altri hanno seguito la metodica della maestra Beason. Un collega ha scritto: “Abbiamo avuto una discussione di classe su Facebook e ogni singolo studente ha detto che i suoi genitori passano più tempo su FB e poi parlano poco con i loro figli. Mi ha aperto gli occhi“, ha commentato Abbey Fauntleroy. È un promemoria che fa riflettere sul fatto che i bambini hanno bisogno del tempo e dell’attenzione che meritano da parte dei genitori.