Oceano Pacifico: Un’enorme massa di spazzatura grande tre volte la Francia (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 1 aprile 2018, alle ore 05:20

Oceano Pacifico: Un’enorme massa di spazzatura grande tre volte la Francia

Una distesa enorme tra la California e le Hawaii che contiene circa 80 mila tonnellate di rifiuti plastici. Una grande isola di plastica dell’oceano Pacifico sta diventando sempre più grande e fra qualche anno ci potremmo piantare degli ombrelloni.

Un enorme cumulo di spazzatura nell’Oceano Pacifico sta crescendo più rapidamente del previsto ed ora è tre volte più grande della Francia.
Secondo uno studio di tre anni pubblicato su Scientific Reports venerdì, la massa nota come Great Pacific Garbage Patch è di circa 1,6 milioni di chilometri quadrati fino a 16 volte più grande delle stime precedenti.

Oceano Pacifico: Un’enorme massa di spazzatura grande tre volte la Francia

Questo rende più del doppio delle dimensioni del Texas.
Le reti da pesca abbandonate, costituiscono quasi la metà delle 80.000 tonnellate di immondizia galleggiante in mare, e i ricercatori ritengono che circa il 20% del volume totale della spazzatura siano detriti dallo tsunami giapponese del 2011.

Il tempo è prezioso, così come lo sono gli strumenti che lo misurano.

Lo studio, condotto da un team internazionale di scienziati dell’Ocean Cleanup Foundation, sei università e una società di sensori aerei, ha utilizzato due rilevamenti di aeromobili e 30 navi per attraversare il campo di detriti. Insieme alle reti per sondare e raccogliere rifiuti, i ricercatori hanno utilizzato due dispositivi di sei metri di larghezza per misurare oggetti di dimensioni medio-grandi.

Oceano Pacifico: Un’enorme massa di spazzatura grande tre volte la Francia

Un velivolo era anche dotato di sensori avanzati per raccogliere delle scansioni 3D della spazzatura oceanica. Hanno finito per raccogliere un totale di 1,2 milioni di campioni di plastica e scansionato più di 300 chilometri quadrati di superficie oceanica.

La maggior parte della pila è composta da oggetti più grandi, mentre solo l’8% della massa è microplastica, o pezzi di dimensioni inferiori a 5 millimetri.

“Siamo rimasti sorpresi dalla quantità dei grandi oggetti di plastica che abbiamo incontrato”, ha detto in una nota il capo scientifico Julia Reisser. “Pensavamo che la maggior parte dei detriti fosse costituita da piccoli frammenti, ma questa nuova analisi illumina una nuova luce sulla portata dei detriti.”