Marina Nalesso, è polemica per la conduttrice del Tg2. Insulti e minacce perché si è presentata in tv con il crocifisso: “Fa impressione” (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 19 giugno 2019, alle ore 16:30

Marina Nalesso, è polemica per la conduttrice del Tg2. Insulti e minacce perché si è presentata in tv con il crocifisso: “Fa impressione”

Insulti e minacce per la conduttrice del Tg1: si è presentata in tv con un crocifisso al collo

Marina Nalesso ha condotto il Tg con il crocifisso al collo. Scoppia la polemica. Lo aveva fatto già l’anno scorso e anche allora c’erano state molte critiche e polemiche. Stavolta, dopo Michele Serra su Repubblica, anche Edoardo Buffoni, il conduttore del TgZero su RadioCapital, si scaglia contro la giornalista.

La giornalista Marina Nalesso, conduttrice del Tg2, lunedì 17 giugno alle ore 13 si è presentata in video con un crocifisso appeso al collo.

Marina Nalesso, è polemica per la conduttrice del Tg2. Insulti e minacce perché si è presentata in tv con il crocifisso: “Fa impressione”

Lo aveva già fatto varie volte lo scorso anno e anche allora era scoppiata la polemica. La giornalista si è mostrata in tv a condurre il telegiornale, con il crocifisso al collo e in poco tempo è scoppiata la polemica. Già un anno fa, con le temperature più calde, la giornalista aveva mostrato il crocifisso ed era stata attaccata per la scelta di condurre le edizioni del Tg1 con la croce cristiana e il rosario al collo. Questa volta lo studio è quello del Tg2 durante l’edizione delle ore 13 ma le critiche sono sempre le stesse.

Marina Nalesso, è polemica per la conduttrice del Tg2. Insulti e minacce perché si è presentata in tv con il crocifisso: “Fa impressione”

Il giornalista Michele Serra, su Repubblica, ha commentato la scelta della giornalista dichiarando: “Fa sempre una certa impressione. Si tratta del Tg2 (quello delle 13), privatizzato dal governo sovranista, con l’implicito logo Dio Patria Famiglia che incombe su ogni inquadratura. Con una compattezza formale che perfino memorabili tigì non blended, come Telecraxi e Telekabul, nemmeno di sognavano (…) Non si potrebbe cortesemente evitare?”. Serra ha persino citato la Francia dove è impossibile condurre un Tg con un crocifisso al collo, “forse è anche un reato“, ha sottolineato.