“L’africano sul Frecciarossa con il biglietto del Regionale”: 50mila condivisioni su Facebook, ma ecco la verità (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 14 febbraio 2018, alle ore 10:01

“L’africano sul Frecciarossa con il biglietto del Regionale”: 50mila condivisioni su Facebook, ma ecco la verità

Decine di migliaia di condivisioni e like ( ben oltre le 50mila, prima che l’autore modificasse le impostazioni sulla privacy bloccando l’ulteriore diffusione): ha suscitato un grandissimo clamore un post su Facebook che è senza ombra di dubbio molto indicativo dei tempi che stiamo vivendo. Un post dal tenore velatamente xenofobo, completamente smentito ad ogni modo dalla versione ufficiale emersa qualche giorno dopo. La verità non era quella che questo post voleva far credere a tutti gli utenti della rete. Una fake news vera e propria, come del resto ce ne sono tante di questi tempi.

Tutto ha avuto inizio quando un passeggero che viaggiava su un Frecciarossa diretto a Milano da Roma ha postato la foto sopra: si può vedere un ragazzo di colore con un biglietto in mano e con lo sguardo spaesato. “Il signore in foto si è seduto accanto a me, senza alcun bagaglio: in mano solo il telefono e un foglietto volante – scriveva l’utente su Facebook – Ha preso il Frecciarossa, ma con un biglietto per un Interregionale. Parlava al telefono, ma appena ha visto la capotreno ha abbassato il cappuccio fingendo di dormire”.

“L’africano sul Frecciarossa con il biglietto del Regionale”: 50mila condivisioni su Facebook, ma ecco la verità

Fin qui, una delle tante storie più volte sentite: ragazzi giovani, in un Paese straniero, magari con pochi soldi in tasca, che prendono il treno senza pagare il biglietto. Ma l’utente aggiunge anche altri dettagli: “La capotreno (minuta, esile e giovane, nonché educatissima, ha ‘svegliato’ il signore, e dopo aver appurato che non parlasse italiano, ha spiegato in inglese che era sul treno sbagliato. Ha chiesto la differenza del costo, ma lui ha detto di non avere soldi”, aggiungendo che in verità tra le mani aveva uno smartphone moderno e costoso.