La Cina sta costruendo la prima “città foresta” al mondo con 40.000 alberi per affrontare i problemi legati all’inquinamento (1 di 2)

Notizie Curiose
Pubblicato il 13 febbraio 2018, alle ore 12:11

Un architetto italiano in Cina ha sviluppato una nuova idea per affrontare i problemi di inquinamento e smog del paese con un progetto innovativo per costruire la prima “città-foresta” composta da ben 40.000 alberi. La nuova città di Liuzhou Forest ospiterà circa 30.000 persone e assorbirà quasi 10.000 tonnellate di CO2 e produrrà circa 900 tonnellate di ossigeno all’anno. Una vera e propria rivoluzione nella progettazione degli ambienti idonei agli insediamenti umani. Del resto, il governo cinese ha da alcuni anni messo in atto una strategia di transizione alle fonti di energia rinnovabili. La Cina è infatti il paese che insieme alla Germania sta investendo maggiorment nel solare.

La Cina sta costruendo la prima “città foresta” al mondo con 40.000 alberi per affrontare i problemi legati all’inquinamento

La città è attualmente in costruzione a Liuzhou, nella provincia di Guangxi, essendo stata progettata da Stefano Boeri e dovrebbe essere completata entro il 2020.

Il sito web dell’architetto italiano recita: “La diffusione di piante, non solo nei parchi e nei giardini o lungo le strade, ma anche sulle facciate degli edifici, permetterà all’energia di autosufficienza di contribuire a migliorare la qualità dell’aria (assorbendo sia CO2 che polveri sottili di 57 tonnellate all’anno), per ridurre la temperatura media dell’aria, creare barriere antirumore e migliorare la biodiversità delle specie viventi, generando l’habitat per uccelli, insetti e piccoli animali che abitano il territorio di Liuzhou “.

La Cina sta costruendo la prima “città foresta” al mondo con 40.000 alberi per affrontare i problemi legati all’inquinamento

Circa un milione di piante di oltre 100 specie diverse devono essere piantate in città, insieme a 40.000 alberi. Inserirli tutti significa metterli su ogni area di servizio che si possa immaginare. Potresti ricordare che Boeri ha anche progettato due “foreste” verticali di grattacieli. Insomma questo architetto italiano è uno dei più attivi nel settore dei progetti green e ecosostenibili. Decisamente un bel vanto per il nostro paese e per l’orgoglio nazionale. Il suo lavoro dovrebbe sicuramente essere maggiormente incentivato e finanziato anche all’interno dei nostri confini.